Renzi il "diverso" alla carica contro l'offensiva anti-governo, "torno social" e dopo referendum "non ce ne sarà per nessuno"

. Politica

Matteo Renzi vuole mettere la faccia su tutto, su ogni scelta governativa, anche la più controversa. E da buon condottiero vuole guidare i suoi ed eventualmente proteggerli quando serve. Come con la Boschi, recentemente in ben due occasioni, le peripezie del padre della ministra, indatato per Banca Etruria e la più recente burrasca, provocata da una incauta Guidi, incauta sia nello scegliere il compagno che nel dargli un po' di retta. L'immagine che ne esce del fidanzato, affaccendato su ogni faccenda che gli veniva in mente, ricorda come ha scritto Aldo Cazzulllo sul Corriere più "Cretinetti", Alberto Sordi nel film con la Valeri il Vedovo che non Bel Ami. C'e' forse qualcosa dell'arrampicatore di Maupassant nel talento di Gianluca Gemelli per subornare donne più potenti e benestanti di lui. Ma quello che manca al giovanotto, pacioccone, e' il fascino e personale e dell'impresa. Nel romanzo l'operazione da cui trarre vantaggi e denari era la conquista francese del Marocco, non l'oleodotto di Tempa Rossa. Renzi e' accompagnato dalla orgogliosa rivendicazione. "Io non sono come gli altri". Ma non si tratta dell'antica diversità morale e antropologica che Enrico Berlinguer vantava al Pci, bensì di una diversità tutta politica. E' figlia della nuova stagione, con la personalizzazione della politica, l'accentramento dei poteri nelle mani del premier-leader. E l'obbligo di non perdere mai il contatto diretto con l'elettorato e l'opinione pubblica. Ora Renzi ha fiutato l'aria, da politico di razza sente che l'offensiva contro di lui si sta intensificando, un'offensiva polito-mediatica ed anche giudiziaria. Così' si prepara a guidare la carica in vista dei prossimi appuntamenti.  Sia chiaro lui con la magistratura vuole mantenere un buon rapporto non buttarla in bagarre come Berlusconi. Pero' anche i magistrati devono sempre essere corretti e non farsi trascinare da venti ideologici. Renzi lo ha detto ai suoi "Hanno un unico obiettivo, vogliono farci arrivare sfiancati al referendum". Non quello sulle trivelle dove i renziani e non solo loro, sono sicuri che non si arriverà al quorum, ma quello che conta, quello di ottobre sulla Costituzione. Ed in mezzo ci sono le amministrative di primavera, che qualche scossone nel Pd lo poteranno. Renzi prevede il "colpo di coda" di quelli che si sentono minacciati dalla sua vittoria referendaria. E sono tanti nemici interni ed esterni, comprendenti oltre che le forze di opposizione, anche alcuni poteri forti, che meglio navigano nelle paludi. Li' trovare appigli vari e' più facile, se l'acqua e' limpida si vede e si sente tutto. Tra le armi da riprendere in modo da fare sentire la sua voce forte e chiara su tutto e su tutti, Matteo ha deciso "Torno social". "Matteo risponde su Facebook Live, News, Tweet", non sono un vezzo ma una mossa politica, con il governo ammaccato da voci, bisticci ed intrighi vari. Anche tra i suoi fedelissimi. C'e' chi parla di due "tendenze" quella di Lotti e quella della Boschi, nelle quali si dividerebbe il giglio magico, dal quale e' stato da tempo cacciato Delrio, allettato ora dalle sirene della sinistra interna. Con poche autorevoli eccezioni, come quelle di Padoan e Gentiloni che hanno con il premier un filo diretto. Un ritorno al passato di Renzi che comincio' a sua scalata al potere proprio utilizzando i social. Naturalmente palazzo Chigi sta preparando anche una campagna mediatica a tutto campo. Con Matteo che vuole spiegare nel dettaglio tutto a tutti. Per vincere, magari anticipando le elezioni politiche alla primavera del 2017. Perché ormai il terreno davanti al governo e' minato. "Il referendum sulla Costituzione di ottobre - il messaggio di Renzi ai suoi nemici - sara' il vero punto di svolta, perché dopo non ce ne sarà per nessuno". Con lui alla guida del primo governo della Terza Repubblica, tenacemente costruita. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi