Riforma costituzionale all'ultimo atto tra le polemiche. Renzi parla in aula, opposizioni fuori

. Politica

Riforma costituzionale all'ultimo atto in un crescendo di polemiche in cui si intrecciano il referendum di domenica sulle trivelle, l'inchiesta sul petrolio in Basilicata e la mozione di sfiducia al governo che verrà votata il 19. E' iniziata a Montecitorio l'ultima lettura parlamentare della riforma costituzionale voluta dal governo Renzi, prima della definitiva approvazione. Sullo sfondo il referendum di ottobre sul quale il premier si gioca tutto. Il via con la discussione generale del disegno di legge costituzionale di riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione, prima del voto finale atteso in settimana. Voto che però le opposizioni vorrebbero far slittare. La richiesta di convocazione di una capigruppo per decidere il rinvio è stata avanzata tanto da Fi quanto dal Movimento 5 stelle: "È assurdo che si vada a riformare la Costituzione se non si sa nemmeno se il 19 aprile ci sarà ancora il governo, dopo la mozione di sfiducia..." ha detto Dell'Orco (M5s). Ma Renzi va avanti e parla in un tweet di "giornata storica" mentre Grillo sollecita ancora un intervento di Mattarella per rinviare il voto: "Non lo so, dipende se Mattarella è un ologramma, se c'è o non c'è... Bisogna che ogni tanto prenda una posizione". Alle 18 Renzi interverrà in aula in replica alla discussione generale "per rispondere ai dubbi sulla riforma punto per punto" ma non è certo, quindi, che il via libera dell'Assemblea arrivi già domani, visto che per le dichiarazioni di voto finali non è previsto alcun contingentamento dei tempi e le opposizioni potrebbero iscriversi in massa a parlare per far slittare il voto di uno-due giorni. Le opposizioni comunque non saranno in aula stasera ad ascoltare il premier: sembra questa la decisione presa da Fi, Lega, M5s e SI che polemizzano con Renzi 'accusato' di essere stato fuori tutto il giorno (era a Verona per Vinitaly) e di non averle ascoltate.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola

 



Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi