Renzi, stop barbarie giustizialista "avviso di garanzia non e' mai una condanna"

. Politica

Renzi come Berlusconi, anche se a lui il paragone non piace, all'attacco della magistratura. O meglio ad una parte della magistratura, che poi e' quello da sempre sostenuto dal Cavaliere. Ovviamente Renzi esalta contemporaneamente i "buoni" a partire dai magistrati eroi. Nel corso del suo intervento al Senato sulle mozioni di sfiducia al governo, il premier ha detto: "L'avviso di garanzia non e' mai una condanna. Per questo non chiederemo le dimissioni dell'assessore del M5S a Livorno". Ancora: "Sono per la giustizia non per i giustizialisti, credo nei tribunali non nei tribuni, rispetto le sentenze dei giudici non le veline che violano il segreto istruttorio. Quando diciamo che bisogna arrivare a sentenza non accusiamo la magistratura ma stiamo rispettando la Costituzione su cui abbiamo giurato". "L'Italia - ha proseguito Renzi - ha conosciuto giudici ammazzati dalle mafie ma anche una vera e propria barbarie di giustizialismo". Renzi ha anche rivendicato quanto fatto dal governo nel pieno rispetto degli impegni presi con il Parlamento e sottolineato diversi punti che ancora devono essere attuati. I verdiniani che si sono definiti con il senatore Barani "i pretoriani di Renzi" voteranno a favore del governo e contro le mozioni di sfiducia.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi