Berlusconi orientato a fare buon viso a cattivo gioco e ad appoggiare la Meloni

. Politica

Silvio Berlusconi sembra avere deciso, facendo buon viso a cattivo gioco, a quanto fatto dai due giovani "irriverenti", la Meloni e Salvini. Ma perdere sapendo di perdere e di brutto non e' nelle corde del Cavaliere. Così parrebbe avere deciso di mollare Bertolaso e puntare sulla Meloni, che a Roma potrebbe andare al ballottaggio e forse anche vincere. Ieri notte ha riunito i suoi a palazzo Grazioli. E c'e' stato il detto ed anche il non detto. Il non detto, per non mandarlo su tutte le furie, e' che molti elettori del centrodestra hanno cominciato a pensare che con la candidatura di Bertolaso, Berlusconi volesse fare, in una sorta di un invisibile patto del Nazareno, un regalo a Renzi. Facendo sicuramente perdere il centrodestra e spianando a Giacchetti la possibilità di giocarsela con la grillina Raggi. Il detto può essere così' riassunto: "Caro presidente, a Milano ce la giochiamo con Parisi, a Roma possiamo vincere con la Meloni, facendo vedere un centrodestra vivo e se vinciamo vinciamo, perché c'e' lei. Ci vogliamo invece immolare su Bertolaso o su Marchini, che tanto perde lo stesso, e comunque non offre una prospettiva?". Concetto difficile da ribattere, perche' ancora prima che alla politica risponde ad una comune logica. Poi ci sono i sondaggi, quelli della Ghisleri, sempre ascoltati dall'ex premier. Berlusconi li aspettava e sicuramente si aspettava molto di più da Bertolaso.Che invece e' sprofondato, o meglio non e' mai salito, dall'ultimo posto, con un misero 7%, che potrebbe anche peggiorare. E per Berlusconi sarebbe una sconfitta di quelle che bruciano davvero. Invece la Meloni, già da sola si gioca il ballottaggio. Con Forza Italia a sostenerla, almeno il ballottaggio dovrebbe essere sicuro. Ora non resta che farlo capire a Bertolosa che sta facendo un po' il Marino del centrodestra.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi