Deutsche Bank indagata a Trani per "manipolazione del mercato" (venduti 7 miliardi di bond italiani), Il famoso "golpe" evocato da Berlusconi nel 2011 che porto' all'avvento di Monti

. Politica

La Deutsche Bank e' indagata dalla procura di Trani per "manipolazione del mercato". Al centro dell'inchiesta la vendita di bond italiani per 7 miliardi di euro nel primo semestre del 2011. Era l'inizio della spirale del debito sovrano che porto' l'Italia sull'orlo della bancarotta e segno' la fine del governo Berlusconi, che era sta' già abbandonato da Fini. Al suo insediamento il Cavaliere poteva contare sulla più ampia maggioranza mai avuta da un governo. Indagati i vertici dell'epoca. La banca fa sapere: "Collaboreremo con le autorità, a suo tempo fornimmo informazioni alla Consob". La vicenda riguarda le  massicce operazioni, per ben 7 miliardi di euro (quasi l'ammontare di una finanziaria) effettuate sui titoli di Stato italiani, tra il gennaio ed il giugno del 20111. Allora, come si ricorderà, si avvito' la crisi del debito pubblico e gli italiani impararono a conoscere un termine fino ad allora quasi sconosciuto, lo spread. Di li' a poco parti' la lettera siglata da Trichet e Draghi che di fatto segno' la fine del governo Monti e l'avvento dei tecnici di Mario Monti. Quello che vuole accertare la procura di Trani e' se ci sia stato qualcosa o qualcuno dietro quella colossale operazione finanziaria che fece balzare di colpo lo spread a 500 punti. Oggi e' attestato sui 130 punti. Certo che se bastasse davvero che i tedeschi o qualche altro paese decida di vendere i titoli italiani per condizionarne la politica e determinarne i governi sarebbe non solo gravissimo ma vorrebbe a dire che siamo una democrazia "sotto controllo" di altri paesi. Quello che ha sempre sostenuto Berlusconi dopo essere stato cacciato dal governo, poi sarà cacciato anche dal Parlamento in seguito ad una condanna per frode fiscale, e' che contro di lui era  avvenuta una congiura, un golpe bianco, "ordito da  Napolitano e della cancelliera Angela Merkel", con l'avvento di Mario Monti, diventato in un giorno senatore a vita e presidente del Consiglio.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi