"Isole galleggianti" per i migranti, la proposta choc di Alfano "Nessuno potrà andare via"

. Politica

Isole galleggianti per i migranti. Non non e' un film di fantascienza ma la proposta choc del ministro Alfano alla richiesta dell'Europa di creare nuovi hotspot (i punti di registrazione per i profughi). L'idea del ministro dell'Interno: "Faremo degli hotspot galleggianti, dove faremo registrare tutti senza che nessuno possa scappare, garantendo il sistema dei rimpatri ancora più efficace". Alfano parla di una "soluzione rapida e innovativa" che ha ricevuto un parere sostanzialmente favorevole dagli uffici tecnici del Viminale, anche se esistono alcune criticità. Basti pensare alla difficoltà di assistenza medica in mare, dove può essere possibile solo un pronto intervento, ai problemi igienici ed anche alla situazione logistica, fornire pasti e posti letto. Senza parlare di gente che arriva disperata dal mare per ritrovarsi, anche se al sicuro, pur sempre in mezzo al mare. Per molti sarebbe una sorta di vera tortura. Comunque Alfano spiega che dati i picchi degli arrivi negli ultimi giorni, la capacita' degli hotspot operativi non e' sufficiente e lo sarà ancora meno nei mesi estivi. Quindi la necessita di isole galleggianti almeno per l'estate. Intanto e' la Commissione europea a certificare come stia fallendo il meccanismo dei ricollocamento dei profughi dall'Italia e dalla Grecia. Contro il target di 20mila profughi da ridistribuire entro  meta' maggio, ne sono stati ricollocati solo 355, portando a 1500 il numero totale, sui 160mila previsti entro settembre 2017.  Un bel problema. Le parole non bastano più', l'Europa dovrebbe darsi una mossa prima che la situazione degenti e diventi incontrollabile. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi