I mal di pancia della sinistra Pd sul referendum. Bersani "Non cerchiamo freddo nel letto" e "Non divido tra arcangeli e gufi". Cuperlo "Sara' il nostro Congresso"

. Politica

Molti i mal di pancia nella sinistra del Pd, disorientata dall'offensiva a tutto campo di Renzi. Che potrebbe portarsi a casa oltre ad i sindaci di Bologna e Torino, sicuri, anche quello prestigioso, forse il più prestigioso, di Milano con Sala. Ed una speranzella ce l'ha anche a Roma con Giacchetti che viene dato al ballottaggio con la 5stelle Raggi. Anche se questa appare come una mission impossible. Poi via a tutta gas per la campagna al referendum dove si gioca tutto, o meglio si gioca la sua leadership come primo premier della Terza Repubblica. Bersani e' titubante: "Pronto  votare si'…ma non andiamo a cercarci freddo nel letto". E a Milano aggiunge: "Spero che voteranno Sala e il centrosinistra anche gente che pensa di votare no al referendum sulle riforme. Non divido il modo tra arcangeli e gufi". Ancora: "Spero che non si cambino le carte in tavola, perché se venisse fuori una chiave plebiscitaria io mi riterrei libero". Anche un altro leader della sinistra, Gianni Cuperlo affaccia dei dubbi: "Il referendum costituzionale e' il Congresso del Pd, se si fa finta che non sia così, poi il giorno dopo si dirà che si va in quella direzione con un partito che non sarà facilmente controllabile". Ma qual'e' il punto vero? Lo ha detto esplicitamente Cuperlo, il referendum sarà una sorta di Congresso del Pd. Vale a dire che li' si misureranno le forze interne. La sinistra vorrebbe garanzie da Renzi sui posti in lista per le prossime elezioni e la garanzia di avere una pattuglia adeguata per potere contare, cioè non dare la maggioranza assoluta a Renzi in Parlamento. A Bersani and & basterebbero per questo una ventina di deputati, anche se quelli che reclamano un posto in Parlamento sono molti di più. Renzi per ora non ha dato alla sinistra interna nessuna garanzia e difficilmente ne dara'  a referendum vinto. Al massimo qualche posto ai più rappresentativi, come presenza simbolica in onore del glorioso passato del Pci. Ma niente che possa diventare un potere di veto. I mal di pancia partano da qui.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi