Niente accoglienza ai profughi verdiniani, respinti rischiano di affogare

. Politica

Denis Verdini aveva fatto loro da saggio pastore politico accompagnandoli attraverso quei tortuosi sentieri che aveva costruito fin dai tempi del patto del Nazareno, fino alle punta estrema del centrodestra per poi prendere il largo verso porti più sicuri, sotto il controllo dell'esercito renziano. Cosi' quella pattuglia di senatori e deputati una trentina in tutto si sono fidati ed hanno intrapreso il viaggio della speranza. Con un lumicino speranza di potere trovare una nuova e più accogliente casa politica. Le hanno provate tutte, diventando fedelissimi del premier. Poi l'errore di alcuni, con antichi ricordi di potere e di vittorie, di volere contare qualcosa di più, di non essere semplicemente dei "brutti anatroccoli" da sfruttare solo in Parlamento. Così i calabresi ed i campani più impulsivi hanno preteso la conta in queste elezioni. I saggi lombardi, e gli scaltri siciliani e pugliesi avevano capito che era meglio aspettare: "Assurdo pesarsi in queste elezioni.Noi non siamo un partito. Abbiano fatto un'operazione politica per garantire stabilita' alle istituzioni. E' sbagliato fare una lista o esordire con un simbolo. Il rischio e' quello di bruciarci". Ed infatti si sono, forse anche definitivamente (perché non ci saranno prove d'appello),  bruciati. I contrari alla conta puntavano, solo a livello individuale, al buon cuore di Renzi al momento di fare le liste. Ma i loro più frettolosi colleghi hanno bruciato anche le residue speranze. Ora rigettati e respinti si ritrovano sulla scialuppa in balia delle onde (con grande goduria della sinistra Pd, che mai li avrebbe accolti) e non sanno che direzione prendere ne' per l'imminente, ne' per il futuro. Qualcuno grida disperato: "Torniamo da Berlusconi". Berlusconi potrebbe anche accogliergli, ma ormai il suo campo e' desolatamente svuotato e di posti in lista ce ne possono anche essere, ma solo per quelli rimasti fedeli. Non ci sono i voti per tutti. Ed i verdianiani rischiano di sparire prima ancora di essere nati. Si ricorderà solo di quel manipolo partito per la gloria ed inghiottito dalla politica.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi