Errore di grammatica politica di Renzi, comunali "fatto locale". Quando un giornalista rispose "Crollo Mole Antonelliana? Fatto locale"

. Politica

Matteo Renzi ha fatto un errore di grammatica, nemmeno di sintassi politica, derubricando elezioni in città come Roma, Milano e Torino a "fatti locali". In un'intervista al Corriere ha detto: "Ho legato la mia permanenza al governo all'approvazione delle riforme nel referendum di ottobre e mi hanno accusato di avere personalizzato. Adesso gli stessi  vorrebbero legare il governo al voto di alcune realtà municipali? Ma non scherziamo. Nessun paese al mondo civile fa così. Si rassegnino le elezioni amministrative sono un passaggio locale". Ora Renzi pur avendo ragione nella sostanza sbaglia politicamente a definire un "fatto locale" le elezioni in grandi città. Avrebbe potuto semplicemente dire che il voto amministrativo, pur molto importante, da solo non può' bastare a "condannare" un'esperienza di governo. La frase del premier ricorda qualcosa  a chi  ricorda i meandri della vita polita. La guglia, 47 metri, della Mole Antonelliana, uno dei monumenti più importanti di Torino, prima capitale d'Italia, il 23 maggio del 53, crollo'. Era una giornata terribilmente calda e si scateno' un violento nubifragio ed una tromba d'aria spezzo' la guglia, allora costruita interamente di mattoni, che precipito' nel giardino sottostante della Rai. Fortunatamente, quando incredibilmente, non ci furono vittime. Da Roma parti' una telefonato per il suo corrispondente a Torino, che non si era curato della notizia. Rispose candidamente "Ma e' un fatto locale!". Per anni i giornalisti parlamentari hanno ricordato ridendo questa vicenda chè riguardava uno che poi divenne uno di loro. Persona  simpatica ed a suo modo estrosa (alla buvette di Montecitorio, quando allora i tramezzini erano esposti in bella vista ed ognuno si serviva da se', prendeva sempre l'ultimo facendo crollare la piramide). Enrico Benso passo' allo storia del giornalismo non per i tramezzini ma per quel suo "E' un fatto locale". Di storie simili pero' ce ne sono tante…E se la Mole Antoneliana cade su Rezni e' quasi peggio di Roma e Milano, perché vorrebbe dire una sconfitta in "casa".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi