Ballottaggi, unico dubbio a Milano. A Torino Fassino, a Napoli De Magistris e a Bologna Merola. A Roma per la Raggi potrebbe essere un trionfo

. Politica

Alla vigilia del ballottaggio di domenica 19 giugno, che decideranno i futuri sindaci anche delle prime cinque citta' italiane, in rete non si fa che parlare ci corse di cavalli, di auto ed anche di previsioni di vendita di auto. Il tutto perché in Italia, caso unico, non sono permessi sondaggi ufficiali, negli ultimi quindici giorni della campagna elettorale e neanche per il secondo turno. Ma si tratta di una finzione, perché tutti i partiti si fanno fare le rivelazioni. Sembra  tutto deciso, con un'astensione che crescerà, perché  in molti casi ci sono elettori che non si ritrovano in nessuno dei due candidati al ballottaggio. A Torino, Fassino, a Napoli De Magistritis , a Bologna Merola, appaino avere preso il largo. A Roma  nonostante che si sia spesa in prima persona Maria Elena Boschi il risultato sembra scritto ed anche con proporzioni vistose, tipo 60% alla grillina e 40% a Giacchetti. Partita apertissima invece a Milano, dove Sala e Parisi non fanno che scavalcarsi nelle previsioni. Del resto uno dei maggiori sondaggisti Piepoli spiega che normalmente chi ha vinto al primo turno vince anche al ballottaggio. E considera solo una possibile sorpresa che potrebbe essere Parisi a Milano, quasi appaiato a Sala al primo turno, che comunque se la batterà all'ultimo voto per la sfida a Milano

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi