Referendum, Cassazione decide entro martedì'. Ipotesi voto tra il 27 novembre e l'11 dicembre

. Politica

Ormai ci siamo, l'ufficio elettorale della Cassazione sta per completare il vaglio delle firme presentate dal Comitato per il si' al referendum costituzionale. Entro martedì della prossima settimana la Cassazione comunicherà l'esito della sua ordinanza che, secondo alcune anticipazioni, ammetterà la consultazione popolare. Il Quirinale avra' poi 60 giorni di tempo per indire il referendum con un decreto del presidente della Repubblica. Sara' poi il governo a decidere sulla data della consultazione. La legge dice che va fissata in una domenica che cade tra il 50° e il 70° giorno successivo al decreto di indizione. E dunque spetterà a Renzi decidere se anticiparlo o allontanarlo. E non e' cosa di poco conto, visto che in molti a partire dalla sua opposizione interna gli chiedono per votare si' di cambiare prima l'Italicum, la nuova legge elettorale. L'ultima data circolata era il 27 novembre ma potrebbe slittare fino all'11 dicembre. Renzi dal Brasile ha chiesto ai Comitati per il si' di compiere uno sforzo affinché il referendum non si trasformi in plebiscito ma sia un voto sui contenuti. Intanto in casa della sinistra Pd monta il malumore tanto che in dieci hanno firmato un documento per il no, se prima non verra' modificata la legge elettorale. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi