Renzi, "Continueremo ad abbassare le tasse". E' scontro con Di Maio che evoca i forconi sotto palazzo Chigi

. Politica

"Continueremo ad abbassare le tasse", assicura Matteo Renzi su Facebook parlando della politica economica e fiscale del governo. Ma il suo post è appena uscito che si scatena la protesta e l'ironia tanto dei Cinquestelle quanto della Lega e di Forza Italia. Il vice-presidente della Camera che molti vedono come candidato premier per il M5s alle prossime politiche arriva ad evocare i 'forconi' sotto palazzo Chigi, forconi agitati dai cittadini che il presidente del consiglio, dice Di Maio, farebbe bene a smettere di 'provocare'. "Da quando siamo al Governo lavoriamo per ridurre le tasse. Lo abbiamo fatto con gli 80 euro, con il JobsAct, con l'Irap costo del lavoro, con IMU e Irap agricola, con Imu e Tasi sulla prima casa, con il superammortamento. Continueremo con la prossima legge di stabilità" ha scritto su Fb Renzi ricordando che "l'ultima volta che una tassa è stata alzata in Italia è stata l'IVA nell'ottobre 2013 da un governo precedente. Adesso la musica è cambiata e contemporaneamente abbiamo battuto tutti i record di incassi dalla lotta contro l'evasione (quasi 15 miliardi nel 2015)". "Leggo tante critiche sulle nostre misure di politica economica. Per l'Italia di oggi - ha concluso Renzi -non conosco una ricetta migliore di abbassare le tasse e continuare con le riforme strutturali. Per rendere questo Paese finalmente più semplice e più giusto. E per dare a chi vuole investire - come ha fatto Ryanair - le condizioni per farlo". La replica di Di Maio sempre su Fb è polemica e pungente: "Renzi ha appena dichiarato: 'continueremo ad abbassare le tasse'. Forse mi sono perso qualcosa: quando è che ha iniziato?". "Oggi il presidente del consiglio ha anche avuto il coraggio di dichiarare: 'l'ultima volta che una tassa è stata aumentata era il 2013'- ha proseguito- ma davvero? Peccato che uno studio della Uil ci dice che in 2 anni dal 2013 al 2015 i contribuenti hanno pagato 7 miliardi in più di tasse, circa il 16,7% in più. E indovinate chi governava in questi due anni?". "Renzi - conclude il leader M5s - la smetta di provocare i cittadini italiani con queste balle! altrimenti prima o poi se li ritroverà con i forconi sotto palazzo chigi. #Iodicono anche alla loro falsità". Altrettanto polemico il commento dell'altro Matteo, il leader della Lega Salvini che attacca Renzi e ripropone la sua ricetta eocnomica: "Toglietegli il bicchiere!!!" scrive Salvini che prosegue: "Tassa unica al 15%, via gli studi di settore, eliminazione di Equitalia, sblocco del patto di stabilità, tagli degli sprechi coi costi standard, rottamazione della Moneta Unica, cancellazione della legge Fornero. Chi lo spiega al bugiardo cosa dovrebbe fare??? Vabbè, col No al referendum lo mandiamo a casa e ci pensiamo noi".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi