La "sceneggiata" della mozione di maggioranza sulla legge elettorale, minoranza pd "Solo aria fritta"

. Politica

Dopo la mozione dei cinquestelle per cambiare l'Italicum con la sorprendente proposta di tornare al proporzionale puro della prima Repubblica, anche la maggioranza presenta la sua. Nessun impegno, nessuna concreta proposta di modifica condivisa, ma solo una generica dichiarazione d'intenti. La minoranza Pd lo sottolinea subito "Aria fritta". Forza Italia e centrodestra al completo, questa volta con buon senso, si limitano a dire "Riparliamone dopo il voto sul referendum". In realtà l'obiettivo appare chiaro, rimandare tutto a dopo la consultazione popolare sulla Costituzione.Nel dispositivo la Camera si impegna ad avviare nelle sedi competenti una discussione sull'Italicum (la nuova legge elettorale) al fine di consentire ai diversi gruppi parlamentari di "esplicitare le proprie eventuali proposte di modifica sulla legge elettorale attualmente in vigore (anche se mai utilizzata) e valutare la possibile convergenza sulle suddette proposte". Nella mozione si premette che l'Italicum e' entrato in vigore l'11 luglio 2016 e si prende atto che "e' attualmente in corso un ampio dibattito politico su possibili e articolate ipotesi di riforma della legge". Una sorta di manfrina con tanto di sceneggiata della maggioranza per rassicurare i molti che temono di andare a casa al prossimo giro, a partire dalla minoranza delPd per proseguire con Alfano ed i suoi senza dimenticare Verdini.La minoranza del Pd che ha più volte condizionato il suo si' al referendum proprio al cambiamento della legge elettorale, fiuta puzza di inganno e perciò appare orientata a votare contro la mozione, che su nulla impegna. C'e' anche un vecchio proverbio toscano per descrivere il parlare a vuoto "friggere la merda". Bersani risponde con la sua proverbiale ironia, rispolverando un vecchio detto di craxiana memoria, quando il leader socialista avverti' Andreotti "anche le volpi finiscono in pellicceria". Naturalmente lui pensa a Renzi, un più giovane volpino. "Prima Renzi diceva -spiega Bersani -che l'Italicum era una legge elettorale perfetta, ora che si può migliorare. Decida, ammetta che ha fatto un errore, si apra un confronto vero". Ancora: "A tutto c'e' un limite…anche le volpi finiscono in pellicceria". L'auspicio e' che si apra un dialogo su "collegi e preferenze". Nel Pd si può trovare una soluzione. Ma e' "assurdo pensare di tenere in piedi questa legge, così rivince la destra". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA

 




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi