"Renzi atlantico" non convince Ue, manovra non basta, ma lui "Non cambio" e attacca Germania

. Politica

Alla Ue non basta la manovra economica, messa a punto dal governo italiano, nonostante le "raccomandazioni" di Obama per una maggiore flessibilità mirata allo crescita. Per Bruxelles il deficit strutturale rimane troppo alto. Insomma sono i numeri del deficit italiano, 2,3% a preoccupare la Commissione Ue, che chiede un cambiamento. Ma Renzi, a Bruxelles per il Consiglio europeo, che già aveva detto, per poi smentirlo, che e' l'Europa piu' della Siria a preoccupare il mondo (riferendo quando dettogli da Obama), replica in modo per nulla remissivo, forte dell'appoggio americano: "Non cambio nulla". Altra cosa che il premier aveva detto e' che vista dagli Usa "la situazione del Vecchio continente e' disperante. Obama invece e' convinto che molte crisi siano drammatica ma risolvibili". Per ora e' stato smentito un faccia a faccia  di Renzi con il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker. Che in questo momento non farebbe altro che aumentare gli attriti. E' stata pero' ribadita l'importanza dell'approvazione di una proposta italiana sull'emergenza migranti. Renzi attacca anche la Germania, che tanto si batte per il rispetto del rigore: "Il surplus di Berlino e' contro le regole". Il premier italianio spiega le sue ragioni: "Spetta alla Commissione Ue dire se c'e' qualcosa che non va, perché l'Italia non chiede la flessibilità ma invoca le circostanze eccezionali per terremoto e immigrazione". "Che l'Italia rischi un'infrazione Ue sulla legge di bilancio e' un'analisi suggestiva", aggiunge  dettagliando le sue ragioni: "Credo che il bilancio della Germania abbia molti problemi, a cominciare dal surplus commerciale, che non rispetta le regole europee e spero che i nostri amici possano provvedere al riequilibrio". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi