Renzi vs Bruxelles, "Stanchi di quest'Europa ambigua". E l'Italia blocca il bilancio Ue

. Politica

Era quindi un 'segnale' a Bruxelles la decisione di far sparire dal suo studio a palazzo Chigi  le bandiere blu e gialle dell'Europa lasciando solo il tricolore, una mossa che era stata applaudita dagli euroscettici d'oltre confine come ad esempio il numero 2 del Front National di Marine Le Pen. Oggi infatti Matteo Renzi ha dato seguito agli avvertimenti più volte lanciati verso un'Unione europea "piena di contraddizioni" ("siamo stanchi di un'Europa ambigua, che dice, dice ma non fa, un'Europa piccola con le cose grandi e grande con quelle piccole..."") e verso una Commissione che nell'esame dei nostri conti mostra di non tenere sufficientemente in considerazione gli sforzi sostenuti dall'Italia per l'accoglienza ai migranti e per la ricostruzione dopo il terremoto) ed ha sostanzialmente bloccato il bilancio pluriennale dell'Ue. Non c'è stata una votazione formale, tecnicamente l'Italia ha "confermato la riserva" - l'anticipo di un veto - alla proposta di compromesso fatta dalla presidenza di turno slovacca per la revisione del bilancio pluriennale (2014/2020) dell'Unione. Un documento che l'esecutivo italiano non considera accettabile perché mancano garanzie per l'aumento di risorse "a favore delle nostre priorità": immigrazione, sicurezza, disoccupazione giovanile o programmi per la ricerca. Ad annunciare la decisione il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi, al Consiglio Affari generali in corso a Bruxelles. "Noi non siamo né nazionalisti né populisti. Noi però - ha spiegato Gozi - siamo molto stanchi delle ambiguità e delle contraddizioni europee. Siamo molto stanchi di un'Europa che dice alcune cose e poi non le fa. Siamo molto stanchi di un'Europa che è piccola con le cose grandi e grande con le cose piccole. E noi siamo convinti che, se l'Europa non cambia, siamo di fronte all'inizio della disintegrazione europea". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi