Insulti sessisti ricevuti su Facebook, Laura Boldrini li pubblica, con nomi e cognomi

. Politica

Un campionario degli insulti sessisti ricevuti su Facebook nell'ultimo mese: lo ha pubblicato, con nomi e cognomi degli autori, la presidente della Camera Laura Boldrini, sempre nella sua bacheca di Fb, nella giornata contro la violenza sulle donne. "Basta sessismo in Rete" ha detto la Boldrini ben sapendo che questo è un fenomeno che colpisce soprattutto le donne. e che se si vuole combatterlo è sulla Rete, sui social dove questi insulti viaggiano, che bisogna reagire. "Non dobbiamo essere noi donne a vergognarci perché subiamo quotidianamente violenze e insulti, ma gli individui squallidi che li scrivono". Alle donne è infatti rivolto il 63% delle offese soprattutto a sfondo sessuale e molte donne, purtroppo "devono scegliere se rinunciare al dibattito sull'agorà digitale o chinare il capo e subire violenze inaudite". La Boldrini ha scelto di reagire e Facebook ha già risposto alla presidente della Camera proponendo un incontro per valutare cosa si può fare di più e di meglio per combattere il sessismo in Rete. "Vorrei sottoporre alla vostra attenzione un fenomeno sempre più frequente e inaccettabile: l’utilizzo nei social network di volgarità, di espressioni violente e di minacce, nella quasi totalità a sfondo sessuale. Ho selezionato e vi mostro solo alcuni messaggi tra quelli insultanti ricevuti nell’ultimo mese. Ho deciso di farlo - ha scritto la Boldrini - anche a nome di quante vivono la stessa realtà ma non si sentono di renderla pubblica e la subiscono in silenzio".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi