Grillo diventa garantista, ma il "giudice supremo" rimane lui

. Politica

Svolta epocale del M5S, pensando anche alla Raggi e all'impossiilta' del movimento di perdere Roma, pena una sicura sconfitta alle prossime elezioni. Beppe Grillo  pubblica sul blog le linee  giuda del movimento per gli indagati. Un testo in sei punti, che domai sarà votato dal popolo del web. Con un avviso di garanzia nessuna sanzione automatica. Lo prevede espressamente il punto 5 del "Codice etico" del M5S, in caso di coinvolgimento in vicende giudiziarie. Insomma i grillini si dotano di un codice etico, che rivede in senso garantista le norme interne di comportamento degli eletti. Viene comunque ribadita la centralità delle scelte finali. Beppe Grillo diventa il "supremo garante", che insieme al Collegio dei probiviri ed eventualmente ad Comitato d'appello, valuterà caso per caso. L'avviso di garanzia non sarà subito una ghigliottina, E' invece sufficiente un comportamento eticamente inaccettabile, anche se non con conseguenze penali, per portare a provvedimenti. Allo stesso tempo, in caso di condanna (a cui vengono equiparati pattegiamento e prescrizione) si procede a sanzioni, che possono pero' essere decise anche per una semplice lesione arrecata all'immagine del M5S. Così come pure comportamenti etici ritenuti inaccettabili. Si stabilisce infine l'obbligo per gli eletti di dare puntuale informazione del coinvolgimento in azioni penali.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi