Genova, Grillo scarica la candidata sindaco M5s Cassimatis ("Sta con i fuoriusciti"). Riapre il voto e alla fine vince Pirondini

. Politica

Caos M5s a Genova: Beppe Grillo scarica la candidata sindaco del Movimento, Marika Cassimatis, professoressa, la grillina che aveva vinto le 'comunarie' online, accusandola di fare comunella con i "fuoriusciti" e di aver così gettato discredito sull'intero Movimento. Le toglie il simbolo M5s e riapre le votazioni per scegliere un altro candidato, meglio - suggerisce il garante del Movimento - se la scelta cadesse sul secondo classificato nella selezione online, il tenore Luca Pirondini che alle comunarie era arrivato a sorpresa solo secondo con 338 voti contro i 362 della Cassimatis (700 i votanti certificati).  E in effetti, alla fine, Pirondini ce l'ha fatta. C'è grande maretta a Genova, la città di Grillo, tra i Cinquestelle in vista delle amministrative, tanta la confusione per lo scontro fratricida. E' dovuto intervenire il garante in persona con una decisione - rifare le 'comunarie'- che lo stesso Grillo sa che potrebbe non essere compresa da tutti..." Ma dovete fidarvi di me" dice il co-fondatore del Movimento ai suoi con un post di spiegazioni sul blog chiuso da una frase di Gianroberto Casaleggio "Nel minimo dubbio nessun dubbio". "In qualità di garante del MoVimento 5 Stelle, al fine di tutelarne l’immagine e preservarne i valori e i principi, ho deciso, nel pieno rispetto del nostro metodo - scrive Grillo - di non concedere l’utilizzo del simbolo alla lista di Genova con candidata sindaco Marika Cassimatis". La 'colpa' della Cassimatis, secondo Grillo è questa: aver "ripetutamente e continuativamente danneggiato l'immagine del Movimento 5 stelle, dileggiando, attaccando e denigrando i portavoce e altri iscritti, condividendo pubblicamente i contenuti e la linea dei fuoriusciti dal MoVimento 5 Stelle; appoggiandone le scelte anche dopo che si sono tenuti la poltrona senza dimettersi e hanno formato nuovi soggetti politici vicini ai partiti". Nuove comunarie a Genova, quindi, con votazione dalle 10 alle 19.  "Se qualcuno non capirà questa scelta, vi chiedo di fidarvi di me. Non possiamo permetterci di candidare persone su cui non siamo sicuri al 100%. Vi garantisco che non accadrà, né a questa tornata delle comunali, né alle politiche. Le nostre selezioni rispetteranno il voto online, ma saranno rigorose. Non c’è più spazio per chi cerca solo poltrone" conclude Grillo. In serata i risultati della nuova votazione online decisa da Grillo e comunicati sul blog: "Hanno partecipato alla votazione 19.959 iscritti certificati. Hanno votato per presentare la lista con candidato sindaco Pirondini in 16.197 e per non presentare alcuna lista in 3.762".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi