La "vendetta" di Berlusconi e Renzi contro i "traditori". Con soglia del 5% fuori Alfano e Bersani

. Politica

A dire il vero il più disperato di tutti appare Angelino Alfano. Che si sta molto agitando ed ha chiesto un incontro con Renzi. Parla della nuova legge elettorale proporzionale, ispirata al modello desco, come di una legge truffa. Se così andranno le cose non ha alcuna possibilità di entrare in Parlamento. Non ci riuscirebbe comunque, ora a maggior ragione quei pochi che lo votavano gli preferirebbero per un accordo con Renzi, l'originale vale a dire Berlusconi. Quasi sicuramente in vista di una Gross Koalition il Cavaliere aumenterà notevolmente i suoi consensi. Perché chiunque di destra che ritenga giusto un accordo con  un moderato di sinistra, gli darà il voto per bilanciare il più possibile il nuovo governo. FI e' destinata ad arrivare almeno al 20%. Certo che Berlusconi si sta dimostrando un vecchio squalo politico, che come primo atto si divora uno ad uno tutti i suoi ex delfini, ad eccezione di Fini che e' caduto da solo in ben altre reti. Anche l'allora giovane Casini e quell'Alfano da lui letteralmente creato politicamente nel palazzo potranno entrarci solo come ex deputati. La vendetta si dice si consumi fredda. Anche il giovane, ma non per questo meno abile politicamente di Berlusconi, Renzi si divertirebbe a non vedere più Bersani in aula. Potrebbe magari parlargli del più o delineo in Transatlantico. Pero' almeno Bersani qualche speranzella ce l'ha, sempre se quelli della articolata costellazione della sinistra riusciranno a trovare un accordo tra di loro. Comunque sempre attenzione, perché quando si vota gli elettori vanno sempre per quello che conta. Certo quelli di sinistra non vorrebbero mai vedere una Gross Koalition ma a guida Berlusconi e loro come gregari. Quindi meglio votare Renzi anche "turandosi il naso".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi