Berlusconi gongola "Nessun traditore tornera' in FI". Leader chi avrà più voti

. Politica

Silvio Berlusconi sembra nato ad una nuova vita. Pare come una sorte di Conte di Montecristo della politica. Dato per "morto" politicamente più volte, dai vari Fini Casini ed Alfano, in realtà deceduti molto prematuramente rispetto al Cavaliere del quale organizzavano di come spartirsi le spoglie, Berlusconi si sta godendo il momento. Con molti, che erano saliti sotto il comando di Alfano su una scialuppa destinazione Pd, che ora non vedono l'ora di fare il tragitto di ritorno, dopo avere buttato a mare l'improvvisato comandante. Naturalmente e' proprio lui vero obiettivo da abbattere di Berlusconi, in questo per una volta d'accordo con Matteo, quello leghista, che del leader di quel poco che rimane di Ap, non vuole vederne nemmeno l'ombra. E la pensa così anche l'altro Matteo, quello leader del Pd, che di Alfano non ha alcuna stima. Se vuole potrà provare a correre da solo, ma la sua fine alla Fini, pare annunciata. "Nessun traditore tornerà in Forza Italia", ha sentenziato il Cavaliere, che pero' ai centristi, guidati da Enrico Costa che se ne e' andato dal governo (si e' aggiunto ora anche il sottosegretario Cassano), guarda con simpatia come possibili alleati in una possibile coalizione. "Forza Italia va ampiamente rinnovata nei suoi volti", ha annunciato il Cavaliere che sta alacremente lavorando al suo programma "rivoluzionario". Poi "vincerò con i miei alleati". Quanto al leader, "lo sarà chi prendera' più voti".  Berlusconi dato dai sondaggi intorno al 15% e' convinto, con il vento in poppa che lo sta accompagnando, di arrivare da solo al 30%. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi