Sicilia, Berlusconi avanti. Sogno di Grillo, Pd spaccato indietro di 20 punti

. Politica

Ormai sembra una partita a due. Tra il centrodestra di Berlusconi, guidato da Musumeci ed il M5S, con a capo Cancellieri. E' quanto risulta da un sondaggio di Repubblica. Il candidato del Pd, Micari e' penalizzato dalla profonda spaccatura a sinistra e rimane molto indietro di quasi venti punti, colpa anche di Rosario Crocetta che si lascia alle spalle sentimenti di profonda insoddisfazione. Fava, altro candidato della sinistra, insidia addirittura l'esponete del Pd. IL voto siciliano rappresenta una sorta di anticipazione o meglio di test, anche se Renzi nega, del voto nazionale, che probabilmente si terra' ai primi di marzo, con scioglimento delle Camere sotto l'albero di Natale, dopo l'approvazione della manovra economica e della riforma elettorale. Anche perché e'un ritorno al voto di coalizione. Appare comunque probabile che Renzi riesca a comporre una coalizione in grado di competere con il centrodestra. Ed in questo caso i grillini appaiono fuori dai giochi che contano. Il centrodestra nell'isola e' in vantaggio di due e forse più punti. Ma per i cinque stelle rimane il sogno, con Grillo in campo e Di Maio "accampato" in Sicilia. In settimana ci sarà tutto lo stato maggiore, ortodossi compresi. Ma il rinato Berlusconi non e'da meno e anche lui e' pronto a volare in Sicilia, dove sente sempre più' vicino l'aria di vittoria. La sua riabilitazione a livello europeo che potrebbe spalancargli le porte ad una sentenza favorevole di Strasburgo per una sua candidatura alle elezioni lo stanno rendendo euforico. Se dovesse aggiudicarsi le elezioni di novembre potrebbero per lui aprirsi davvero nuove prospettive ad oltre ottant'anni. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi