Bankitalia, Renzi insiste, ma il "vecchio Pci" Visco non vuole farsi rottamare

. Politica

Renzi insiste su Bankitalia "Dico no all'attuale assetto di opere. Gentiloni? Sa cosa fare". Ancora: "Ho letto bugie, ricostruzioni parziali. Ho visto tutti concentrati sulla mozione del Pd quasi fosse una spy-story. Voglio essere chiaro, la difesa ad oltranza di Visco non sta nei miei desideri segreti, ma qualsiasi nome fara' il premier non ci saranno problemi". Ancora: "Se Visco dovesse essere riconfermato ne prenderò atto, nessun problema. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza di Bankitalia  sono giuste". Poi il segretario del Pd riafferma che l'intenzione del suo partito e' solo quella della tutela dei risparmiatori. Pero' Renzi sta facendo il pieno di nemici. Anche Berlusconi ci ha ripensato e non lo appoggia perché teme che riparli di larghe intese. I suoi lo avvisano "Questa volta, stai attento Matteo".Visco, "vecchio comunista"di Botteghe oscure sta facendo le sue contromosse e non vuole essere liquidato da quelli che con la sua stessa provenienza giudicano l'ex premier lo "scippatore" del Pd. In un primo omento Visco sarebbe stato disposto anche a lasciare dopo anni la sua poltrona, ma l'attacco che ritiene mosso dal duo Renzi-Bschi, lo ha indispettito. Ora a quelli che lo sentono risponde con determinazione che non intende assolutamente farsi da parte con addosso l'etichetta del "governatore rottamato". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi