Bankitalia, verità nascoste. Il controllore e' di "proprietà" dei controllati

. Politica

Al di la' di Visco s',Visco no, che e' finito con la riconferma del "vecchio comunista" di Botteghe Oscure per altri sei anni, c'e'  un nodo di fondo. Forse ha ragione Renzi a sostenere che 12 anni sono comunque un po' troppi "neanche il presidente Usa può durare per 12 anni". Che in termini di politica sono un'era geologica. Qual'e' il problema istituzionale che viene da lontano e che non era stato inserito nemmeno della riforma costituzionale di Renzi per non intaccare antichi sacrari? Il fatto e' che l'attività di controllo e' spesso ostacolata o quantomeno limitata. Ecco il dolente punto: pur essendo un istituto di diritto pubblico, i reali "proprietari" di Bankitalia sono le banche stesse, che una volta erano in maggioranza pubbliche o semi pubbliche ma che nel tempo sono diventate tutte private: Insomma gli azionisti di Bankitalia sono le banche stesse a partire ovviamente dalle più importanti, come San Paolo o Unicredit. In sostanza il controllore (Bankitalia) e' di "propheta'" dei controllati, ovvero le banche con maggiore influenza e peso, ovviamente delle grosse. E' vero che la legge riconosce al governare la piena ed assoluta autonomia, ma e' anche vero che questa struttura finisce inevitabilmente per influire nei rapporti Bankitalia-Banche. Il problema resta irrisolto e pesa come un macigno. Può nella pratica l'amministratore delegato di una società fare un mazzo tanto ai suoi azionisti? Forse nella dottrina o nella teoria, non nella pratica o almeno non sempre. Mai con la libertà, la severita' e la celerità necessarie. Spesso il tutto e' influenzato dal quadro politico del momento. Diverso se governi centrodestra o centrosinistra. Diversi Berlusconi e Renzi. I poteri si spostano e si accomodano come in un caleidoscopio. Severità e celerità spesso sono graduate seconda necessita'. Bankitalia rimane un tassello fondamentale dell'intero assetto istituzionale, a severità "variabile". Dipende dal tempo, quello politico.    

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi