Di Maio annulla il duello Tv con Renzi "perchè il Pd è defunto". La replica "Scappa, non ha coraggio"

. Politica

Colpo di scena: alla luce del voto in Sicilia Luigi Di Maio, capo politico di Cinquestelle, ha annullato il duello in Tv con Matteo Renzi, da lui stesso sollecitato e previsto per domani sera su La7 perchè, dice, "il Pd è politicamente defunto". La reazione del segretario Pd è veemente: "Scappa, non ha coraggio, io ci sarò". Con un post su Facebook Di Maio dice che ora è cambiato tutto: "Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva. Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione". Poi aggunge: "Il Pd è politicamente defunto. Il nostro competitor non è più Renzi" e concude: "A breve ci sarà una direzione del Pd dove il suo ruolo sarà messo in discussione". La replica del Pd non tarda ad arrivare, per bocca del portavoce del partito Matteo Richetti: "È talmente ridicolo che ogni commento rovinerebbe questa commedia". Ma è poco dopo lo stesso Renzi a contrattaccare (mentre diversi tra i suoi chiamano Di Maio "coniglio") accusando il vice-presidente della Camera di non avere coraggio e assicurando che domani negli studi di La7 lui comunque ci sarà. "Oggi Di Maio scappa. Mi spiace pensare che gli italiani rischino di essere guidati da un leader che è senza coraggio. Che ha paura di confrontarsi. Che inventa scuse ridicole". "Se un leader che vuole governare l'Italia ha paura di uno studio televisivo, semplicemente non è un leader. Io ci sarò lo stesso e risponderò su tutto, dalla Sicilia alle tasse, dai vaccini alle banche, dall'economia alla politica estera. Se Di Maio ha un sussulto di dignità lo aspettiamo in studio. Altrimenti faremo con i giornalisti". La chiusa è questa: "Chi è il leader del Pd lo decidono le primarie, cioè la democrazia interna. Non lo decidono le correnti, non lo decide il software di un'azienda privata, non lo decide Di Maio. Lo decide un popolo meraviglioso che viene ogni giorno insultato sul web da profili falsi e odiatori veri".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna