Alfano, il delfino finito nelle tonnare, trasformato in cozza

. Politica

Parrebbe un favola di Esopo. Un bel delfino bianco, pronto a divenire principe di un reame, finito poi nelle tonnare siciliane e come d'incanto trasformato da una maga (che poi e' il desiino sceltosi da solo con il suo libero arbitrio) in una cozza. Attaccato disperatamente dove possibile, ma non si sa per quanto  a causa delle gelide correnti. Si parla di Angelino Alfano, destinato prima alla corte di Berlusconi, poi tradito tanto da aiutare gli altri a sfilargli il saggio di senatore, ancora traghettatore a sinistra di un manipolo di forzisti (ora quasi tutti pentiti) per tenere a galla prima Letta e poi Renzi. Rinnegato da Berlusconi e mai amato da Renzi, nel frattempo ha fatto sia il ministro degli Interni (tutti dicono che Minniti sua ben altra cosa) che quello egli Esteri, pensando in primis a se stesso, e scaricando per convenienza anche i suoi, tipo Lupi, costretto alle dimissioni da ministro delle Infrastrutture per un rolex al figlio. Sciocchezze (tra l'altro non era neppure indagato) rispetto ad  altri, che pero erano più protetti. Ora avrebbe dovuto essere decisivo nella sua Sicilia per fare vincere Micari del Pd. Un assoluto flop, non entrerà neppure nell'assemblea siciliana. Si consola dicendo che comunque ha avuto se non il 5% necessario nell'isola più del 3% sufficiente per entrare nel Parlamento italiano. Ma prenderà ancora gli stessi voti? Difficile che i siciliani che lo hanno votato lo rivoltino. Un perdente e' pur sempre un perdente. E poi chi si vorra' accollare questa cozza, che non porta neppure bene, in coalizione? Renzi ne dovrebbe avere piene le tasche. Non lo vede di buon occhio e quando e' stato convinto a prenderlo con se' ha sempre perso. Di sicuro Berlusconi non lo rivuole. E poi c'e' Salvin che proprio non lo digerisce. Che fine fara' Alfano? La risposta più probabile e' la "fine di Fini". Quello del "Mi cacci?". Finito come dice lui da "coglione" fuori dalla politica. Storie di uomini, mezzi uomo, omuncoli tradimenti…. La politica e' anche questo, ma le sue regole le rispetta sempre.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna