Alfano, "Non mi ricandido, ma non lascio la politica"

. Politica

Annuncio a sorpresa del ministro degli Esteri, Angelino Alfano "Non mi ricandido, ma non lascio la politica. La mia battaglia sarà fuori dal palazzo". Parlando a Porta a Porta, l'ex delfino di Silvio Berlusconi spiega: "Io non starò sui banchi del prossimo Parlamento, ho scelto di non ricandidarmi, perché quello che ho fatto in questi anni e' stato dettato da una sincera passione per l'Italia, mentre ho ricevuto molte critiche ingiuste". Ancora: "Faro' campagna elettorale, non lascio la politica. Mi riprendo un pezzo della mia vita fuori dal palazzo". Alfano lascia le macerie del suo piccolo partito, spaccato tra chi vuole andare con Renzi e chi ritornare a casa da Berlusconi. Ci sono anche quelli come Lupi che preferirebbero una corsa in solitario sfidando la soglia del 3%. Probabilmente alla base della decisione di Alfano ci sarebbe anche la difficile trattativa con Renzi pe ri posti in lista. L'ex premier avrebbe voluto dare ad Alfano solo una manciata di posti sicuri, per lui assolutamente insufficienti  per tenere fede alle promesse fatte ai suoi ed anche per salvare almeno la faccia. Il ministro avrebbe voluto almeno una ventina di deputati e dieci senatori. Richiesta nemmeno presa in considerazione. Altro fattore che ha spinto Alfano e' il terrore della "maledizione" dei ribelli di Berlusconi, tutti finiti fuori dai giochi e qualcuno come Fini neppure eletto, dopo avere guidato un partito del 15%.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna