Anche la Boldrini in "Liberi e uguali", da D'Alema-Bersani a partito dei presidenti. Duello finale D'Alema-Renzi

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/boldrini4.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/boldrini4.jpg'

"Liberi e uguali" da partito di Bersani-D'Alema a partito del presidenti. Dopo Grasso anche la Boldrini ha scelto la sinistra-sinistra, nata contro Renzi dopo la scissione del Pd. I due presidenti delle massime istituzioni della Repubblica si schierano. "Continuerò il mio impegno, ha annunciato la Boldrini, con la formazione 'Liberi e uguali', con la mia agenda e le mie convinzioni". Poi: "Il mio viaggio continuerà e sono convinta che saremo in tante e tanti". Boldrini spiega che si tratta di una forza "aperta, inclusiva e di governo, che guarda al futuro, Una sinistra che non può essere conservazione. Una sinistra che e' innovazione o non e'". Per la Boldrini compito del nuovo movimento sarà anche quello di evitare la crescita dell'astensionismo delle forze progressiste. Obiettivo più volte sottolineato da quello che ne e' diventato il leader (il suo nome campeggia nel simbolo di "Liberi e uguali), Grasso. Molti galli nello stesso pollaio, tanti i leader presenti in "Liberi e uguali". Sapranno convivere? La scommessa e' quella di fare fuori Renzi, perché un successo di questo partito e' inversamente proporzionale al risultato del Pd. A sinistra c'e' chi esulterà e chi rimarrà sconfitto. Con favore a Berlusconi e a Grillo. D'Alema e' il più agguerrito ed e' sua la tela politica fittamente tessuta per sfidare Renzi. A Repubblica e' stato durissimo con la Boschi "Conflitto d'interessi evidente su Banca Etruria. Ma su tutto c'e' il segretario del Pd, capo di un gruppo di potere spregiudicato" D'Alema scommette su un risultato in doppia cifra ed annuncia la sua candidatura.  Altra frecciata contro Renzi: "Renzi imitatore tardivo e medicre di Berlusconi". Il vero obiettivo del lider maximo e' riprendersi il Pd dopo la sera del 4 marzo.  La resta di Renzi e' anche la sfida dei due presidenti. Comunque vadano a finire le elezioni segneranno con ogni probabilità il più forte terremoto politico dal '94, con cambiamento di equilibri sia a destra che a sinistra. Soprattutto a sinistra, con gli ex Pci che cercano la rivincita.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi