Campagna elettorale monocorde, centrodestra avanti. Segnali di fumo Cav-Renzi. Tutti contro il M5S

. Politica

E'  una campagna elettorale monocorde che poco sta cambiando, se non in decimali, l'orientamento più volte espresso dagli elettori nei sondaggi. Il centrodestra e' nettamente avanti come coalizione, e l'unico interrogativo e' se avra' o meno la maggioranza per governare. Il M5S sarà con ogni probabilità il partito piu votato. Mentre per Renzi ci sono sempre più grattacapi. Vorrebbe almeno essere il partito con più deputati. Ma perché questo si verifichi dovrebbero combaciare alcune circostanze che appaiono tutt'altro che scontate: Dovrebbe avere in regalo una sorta di gratta e vinci con bonus per prendere più seggi in Parlamento grazie alla nuova legge elettorale.I suoi alleati nella coalizione di centrosinistra dovrebbero avere più dell'1% (altrimenti i voti si ripartiscono tra tutti) e meno del 3% (altrimenti la lista elegge suoi deputati). Ora la Lorenzin e i socialisti di Nencini non sembrano raggiungere neppure l'1%, mentre la Bonino potrebbe scavalcare la soglia. Visto che si  tratta di decimali, e' inutile avventurarsi in previsione, si vedrà la notte del 4 marzo, Intanto prosegue una campagna elettorale monocorde, ravvivata, si fa per dire, solo da qualche triste episodio di cronica come i fatti di Macerata. Berlusconi e con ui Salvini e la Meloni, pur dividendosi per motivi di concorrenza interna, puntano tutto  su sicurezza e lotta all'immigrazione irregolare conditi con l'abbassamento delle tasse. Il M5S punta sempre sul nuovo  e sulla cacciata della vecchia classe partitica, mentre Renzi con i suoi rivendica la maggiore affididabilita' su tutti temi del Pd. Non potrebbe fare altrimenti  visto che ha governato per tutta la legislatura. Politicamente c'e' un fuoco concentrico di Berlusconi e di Renzi contro i cinque stelle, mentre tra i due ci sono segnali di fumo, visto che evitano aspre polemiche reciproche. Dopo il 4 marzi a seconda dei risultati si vedrà quali saranno le possibili alleanze, con il ritorno della politica con la sua forza mediatrice, sempre che Brlusconi non vinca per KO. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi