L'endorsement di Napolitano, Gentiloni? Non se ne potrà fare a meno...

. Politica

Dopo gli elogi Romano Prodi è toccato a Giorgio Napolitano profondersi in calorosi apprezzamenti per Paolo Gentiloni, un politico di cui anche nel prossimo futuro - leggi dopo il 4 Marzo - il paese a suo giudizio non potrà fare a meno... Infatti, secondo il presidente emerito della Repubblica che ha consegnato al premier il premio Ispi, "Gentiloni è divenuto punto essenziale di riferimento per il futuro prossimo, e non solo nel breve periodo, della governabilità e della stabilità politica dell'Italia". Un endorsement in piena regola nel pieno del rush finale di una accesissima campagna elettorale con i radar puntati sulla soluzione delle prevedibili incertezze del dopo-voto e sul difficile compito che attende il capo dello stato Sergio Mattarella. Napolitano spiega chiaramente il suo pensiero e lancia Gentiloni, un riferimento "essenziale" se si vuole puntare sulla governabilità e sulla stabilità. E spiega anche perchè, elencando le doti dell'attuale premier: "coerenza, lealtà, disciplina, libertà, spirito di ricerca, attitudine all'ascolto e al dialogo". In questa serie di attitudini positive - ha concluso l'ex-capo dello stato - è "la chiave del ristabilimento da lui perseguito e realizzato di rapporti costruttivi e fecondi con gli alleati europei, della crescita di dignità e di influenza dell'Italia in tutte le sedi internazionali". Gentiloni, insomma, per Napolitano, "ha conquistato una limpida e piena fiducia tra gli italiani e nelle relazioni internazionali". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi