Salvini-Di Maio, linea calda. Avvertimento Maroni: "Non spacchi il centrodestra"

. Politica

Mentre sembra consolidarsi un asse privilegiato Salvini-Di Maio, con continui contatti telefonici e non solo, arriva un avvertimento da Maroni: "Matteo non spacchi il centrodestra. Vedo impossibile un governo Lega-M5S". In effetti anche oggi il leader leghista ha parlato nuovamente al telefono con Di Maio. Si affaccia pure un ticket, Salvini presidente del Senato e Di Maio della Camera. Ma questo vorrebbe dire spaccare il centrodestra, visto che anche la Meloni se ne e' uscita: "Chi ha detto che al M5S spetta la presidenza di una Camera?". Salvini e Di Maio stanno svolgendo appieno il ruolo di vincitori delle elezioni. Con qualche sponda, il niet di Di Maio a Romani e Calderoli per il Senato, bastoni nelle ruote per la strategia di Salvini.C'e' un pero', Di Maio ha vinto con il suo partito, Salvini ha vinto con una coalizione. Ed a questo lo richiama "severamente" Maroni:: "Un eventuale governo Lega-M5S metterebbe a serio rischio le alleanze di centrodestra in Lombardi e Veneto". Ancora:"Salvini e' un ragazzo (ndr definizione che in politica, e non solo, sta per immaturo), giovane, molto ambizioso e capace, ha una strategia in mente, ma può aspettare. Può essere leader del centrodestra senza dividerlo. Io mi auguro che il patrimonio, che io, Bossi, Berlusconi, abbiamo creato, tutto questo a cui abbiamo lavorato in questi anni, non venga buttato via. Sono certo che Salvini possa valutare i tempi giusti per la sua leadership, altrimenti il rischio e' che il risultato del 4 marzo possa ridursi ad una vittoria di Pirro". Salvini ha anche aperto a modo suo al Pd "Ascolto tutti. Spero che i dem ci aiutino a far ripartire il paese". Apertura a tutto campo per non essere a meno di Di Maio.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi