Salvini, resta Conte e no a Di Maio premier "altrimenti salta tutto"

. Politica

Salvini: "Basta con i veti interni e esterni, sennò salta tutto". Salvini bis: "Conte resta il nostro candidato premier, abbiamo accolto l'indicazione degli amici M5s". Salvini ter: "L'ho detto e l'ho ripetuto, no a Di Maio premier". Al termine di una giornata diventata improvvisamente calda sull'onda della montante polemica sul curriculum del professore, il leader della Lega risponde così ai giornalisti forse un pò innervosito dal fatto che alcuni retroscena riportati dai siti dei maggiori quotidiani fanno rispuntare il nome del capo politico dei Cinquestelle per palazzo Chigi al posto di Conte, anche speculando sulla 'riflessione' in corso al Quirinale che sta allungando i tempi della soluzione della crisi. Un'ipotesi al momento non suffragata dai fatti perchè Conte è stato difeso a spada tratta da tutti i vertici grillini, a partire proprio da Di Maio, e perchè comunque è inaccettabile per il leader della Lega che vedrebbe in questo caso sottolineata la sua subalternità all'altro dioscuro. Insomma, le carte - dice Salvini - sono state giocate e tutto è sul tavolo. Se i veti "interni o esterni" dovessero modificare il quadro e bloccare il cambiamento, allora si torna al voto "e chiederò agli italiani di darmi la maggioranza assoluta". 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi