Il Pd riparte dalle piazze di Roma e Milano, opposizione per costruire l'alternativa

. Politica

Riparte dalle piazze di Roma e di Milano, con la Costituzione e le bandiere dell'Europa, l'impegno del Partito democratico a costruire l'alternativa al "governo più a destra che ricordi la storia della Repubblica", come lo ha definito il vicepresidente della Camera, Ettore Rosato. Un esecutivo, quello giallo-verde con l'astensione di Fratelli d'Italia, "populista e di destra, con un programma pericoloso per l'Italia - ha detto il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, in una calda e affollata piazza Santi Apostoli - un mix di estremismo, antieuropeismo e iniquità". Quella dei dem, ha scandito Martina, che ha ringraziato il Presidente della Repubblica Mattarella "per il rigore e la serietà", vuole essere un'"alternativa forte, popolare e progressista. Altro che il racconto del popolo e del palazzo: noi siamo il popolo , noi saremo l’alternativa. Noi popolari alternativi ai populisti, noi europeisti alternativi ai nazionalisti. Ci attende la sfida di dare vita a un nuovo patriottismo democratico per il quale serviamo tutti, senza litigi e divisioni". Martina ha messo subito in campo alcuni dei punti su l'opposizione non farà sconti: "Non accetteremo passi indietro sui diritti civili. Non accetteremo discriminazioni per i bambini negli asili nido. Non accetteremo una riforma fiscale a scapito dei più deboli pagata con l'aumento dell'Iva. E a Salvini dico: da che parte stai tra i dazi di Trump e gli operai di Terni? Esci dai tuoi tweet e vieni a confrontarti, vediamo se sei davvero capace di difendere gli interessi di tutta la nazione". Militante tra i militanti, il ministro uscente dell' Sviluppo economico, Carlo Calenda, stringe mani e accetta di buon grado la sequela di selfie e a chi gli chiede una parola di incoraggiamento ripete quello che è diventato il suo slogan di queste giornate: "Il paese è più forte di chi lo vuole debole", insomma "nervi saldi e preparare l’alternativa". Anche l'ex segretario Matteo Renzi si fa sentire con un post su Facebook: "Dopo 90 giorni, il paese ha un nuovog overno. Noi siamo un'altra cosa rispetto alla maggioranza che lo compone, radicalmente un'altra cosa. E mostreremo in Parlamento come si possa fare l'opposizione in modo civile. Il principio democratico dell'alternanza e del rispetto istituzionale è per noi un punto cruciale".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi