Aquarius a Valencia, "Benvenuti…, Tra balli e canti".Ma...

. Politica

Sono finalmente approdati a Valencia. Tra canti e balli i 629 profughi hanno toccato terra all'alba dopo nove giorni di navigazione. C'era un benvenuto in tutte le lingue del mondo, tranne quella italiana. Proprio noi che ne abbiamo e continuiamo a raccoglierne più di tutti. Una sorta di festa popolare attendeva i migranti, con tanto di frutta fresca, 700 chili di pesche, ed altre vettovaglie. Sulla costa, dove si celebrano matrimoni ed addii al celibato, sono arrivati loro, con tante speranza. visto come sono stati accolti. Ma forse si tratta più un gigantesco spot anti Italia che di una vera accoglienza per i migranti. Perché non funziona come da noi. Subito e' stato detto, permesso per 15 giorni, poi controlli e chi non e' rifugiato politico subito a casa, vale a dire quasi tutti. Con esclusione dei minori, che poi e' un altro business tutto da approfondire. Le coste italiane sono un'altra cosa e un'altra casa. Anche se ovviamente con posti limitati se si vuole garantire una vera integrazione. Poi ci danno lezioni...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi