Tweet storm su Mattarella: procura indaga, ironia ambasciata Mosca

. Politica

Cresce l'attenzione sulla vicenda dello tweet storm contro il presidente Mattarella, in cui non si esclude l'intervento di una 'manina' russa. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per attentato alla libertà e offesa all'onore del Capo dello Stato, mentre il Copasir ha ascoltato il prefetto Alessandro Pansa, direttore del DIS (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza). L'ambasciata di Mosca a Roma via social sembra voler minimizzare e in un tweet, corredato da emoticon che fa l'occhiolino, scrive: "Bloccato nel traffico? Perso le elezioni? Addossa tutto su di noi!". Tutto era cominciato subito dopo il rifiuto di Mattarella di nominare Paolo Savona a ministro dell'Economia e l'idea a botta calda del capo politico del M5s, Luigi Di Maio, di messa in stato d'accusa del Capo dello Stato. I troll - si sospetta con un'unica regia, forse proprio da parte di un'entità specializzata moscovita - avevano fatto partire un bombardamento di insulti e minacce con l'hashtag #MattarellaDimettiti. Nell'audizione al Comitato per la sicurezza della Repubblica, presieduto da Lorenzo Guerini (Pd), Pansa ha riferito che sono in corso i necessari approfondimenti da parte delle strutture specializzate della nostra intelligence e che al momento non è possibile formulare conclusioni. Il Copasir annuncia di voler seguire "con attenzione" il dossier ed esprime l'auspicio che l'indagine della magistratura romana possa "contribuire a chiarire l’effettiva rilevanza della questione". Guerini ha sottolineato che il Comitato ha programmato per le prime settimane di settembre le audizioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, "che ha già dato la sua disponibilità", dei direttori dell'AISI (Agenzia informazioni e sicurezza interna) e dell'AISE (Agenzia informazioni e sicurezza esterna), nonché dei ministri che compongono componenti il CISR (Comitato Interministeriale per la sicurezza della Repubblica): il responsabile degli Affari esteri e quelli dei dicasteri di Interno, Difesa, Giustizia, Economia e Sviluppo economico. Anche in queste occasioni lo tweet storm sarà sicuramente al centro dell'attenzione, nel quadro dell'esame complessivo delle diverse minacce alla sicurezza nazionale.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi