Rischio crollo? "Favoletta" durerà cent'anni… Lo diceva il M5S

. Politica

Ora il M5S finisce sotto accusa, anche se Di Maio  in sintonia con Salvini, ribalta la frittata e chiede l'azzeramento dei vertici Autostrade, una maxi multa da 150 milioni di euro e la revoca della concessone, recentemente prorogata per il gruppo Atlantia-Benetton, dal 2038 al 2042. I profitti per Autostrade con pedaggi quasi da strozzinaggio sono elevatissimi e in costante aumento, visti anche gli ultimi autorizzati aumenti del 30%. Però, nonostante i bilanci d'oro, sono in calo gli investimenti - con tagli anche alla sicurezza - decisi dalla società dei Benetton, che è quella che gestisce il viadotto crollato. La strage di martedì' 13 agosto forse si sarebbe potuta evitare, se fosse stata realizzata la "Gronda", vale a dire una bretella autostradale alternativa a quella del ponte Morandi. Ma qui entra in scena la politica e  questo non è colpa di Autostrade. "Rischio crollo? Un barzelletta", dicevano i cinquestelle, anzi una "favoletta" . Ancora: "Quel ponte durerà cent'anni…". Gli attivisti grillini erano nemici acerrimi della nuova autostrada ligure. Ma non solo. Beppe Grillo commentava, riferito a chi chiedeva di costruire la nuova opera, perché il vecchio ponte era troppo rischioso: "Questa gente va fermata. Con l'esercito italiano, perché l'esercito deve stare con gli italiani", e ironizzava "Ci vengono a raccontare la favoletta di turno dell'imminente crollo del ponte Morandi, come ha fatto per ultimo anche l'ex presidente della provincia, il quale dimostra chiaramente di non avere letto la Relazione conclusiva del dibattito pubblico". Ora cambia tutto, con conseguenti cancellazioni dal web, di tali affermazioni. "Rivedere le grandi opere e statalizzare", è il messaggio di Beppe Grillo. Che manda anche un "vaffa" agli sciacalli e spiega che "la concessione a operatori così dissennati va restituita allo Stato". Intanto, in prefettura si e' svolto un Consiglio dei ministri. Conte ha annunciato lo stato d'emergenza per 12 mesi a Genova e lo stanziamento dei primi 5 milioni; prevista anche la nomina di un commissario ad hoc. Il governo è anche deciso sul tema di fondo: "Avvio della revoca della concessione pluridecennale ad Autostrade" e "senza aspettare la giustizia"; tempi troppo lunghi - si ritiene - per decisioni che necessitano invece di estrema velocità.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi