A rischio anche crollo governo. Di Maio inflessibile, ma Lega apre ad Autostrade

. Politica

Lega e M5S per ora non sono arrivati a uno scontro frontale, pur essendo divisi su quasi tutto. E il crollo del ponte Morandi non aiuta certo. A caldo tutti hanno chiesto la revoca della concessione ad Atlantia, la società concessionaria della rete autostradale. Il fatto e' che il governo Renzi ha rinnovato la concessione, che era già pluridecennale, portandola dal 2038 al 2042. In caso d dismissione ci sono penali miliardarie da pagare, 20 miliardi. La cifra di un'intera finanziaria. Roba lunga e da tribunali.I Benetton la famiglia che controlla la società concessionaria protesta e lancia a sua volte accuse su difetti di costruzione del ponte. Inoltre, pretende il rispetto dei patti sottoscritti. Mentre il titolo continua ad affondare in borsa, meno 22%. Stamani Salvini ha attaccato Atlantia, lanciandole pero' un messaggio: "Parlano di soldi e affari, senza cuore, chiedano scusa" e invita intanto Autostrade a risarcire per 500 milioni i parenti delle vittime. Di Maio appare inflessibile, e vuole il ritiro della concessione senza pagare penali. Salvini sembra aver fissato una sorta di prezzo per potersi sedere a un tavolo e aprire una sorta di trattativa. Per ora l'unica apertura di Autostrade è non fare pagare il pedaggio alle ambulanze! E' arrivata anche un'intervista a Huffpost del sottosegretario leghista Edoardo Rixi: "Se Autostrade metterà subito risorse per gli sfollati, per i familiari delle vittime e ricostruirà il ponte, noi poi decideremo sulla concessione". Di Maio sembra invece già avere aperto la caccia ai "conniventi politici" dei Benetton che, a suo avviso, finanziavano le campagne elettorali dei partiti. Immediata la replica di Renzi, i casi sono due "o e' un bugiardo o uno sciacallo". Acque più che agitate insomma, con una linea governativa che non appare, per l'ennesima volta e su una simile tragedia, univoca.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi