Mattarella, l'elogio della Carta e la messa in guardia da chi si inebria del potere

. Politica

Per carità, nessun riferimento diretto a fatti e personaggi dell'attualità. Anzi, il consiglio è quello di rileggersi la 'storia' che nei suoi corsi e ricorsi insegna. Ma un paio di accenni fatti da Sergio Mattarella nel suo incontro con studenti delle secondarie ricevuti al Quirinale potrebbero ben calzare come commento a vicende dei nostri giorni se non si corresse il rischio di fare dietrologia spicciola perchè dal Colle quest'interpretazione non viene per nulla avallata. La tentazione però c'è se per caso qualcuno volesse trovare collegamenti tra le parole del capo dello stato innanzi tutto in difesa della Carta e dei suoi contrappesi, e quindi anche in difesa delle autorità indipendenti (Bankitalia? Lo scontro con Di Maio?) o quelle della messa in guardia da un esercizio del potere che rischia di "inebriare" chi lo detiene (e questo vale per tutti i tempi e per tutti i governi) se prevale il senso di dominio e si perde quello del servizio. Insomma una lezione di diritto costituzionale da chi è il primo difensore del Carta con la sottolineatura che "nessuno, da solo, può avere troppo potere". Mattarella ha spiegato che nella nostra Costituzione "c'è un sistema complesso di pesi e contrappesi. Perché? Perché, vedete - ha detto - la storia insegna che l'esercizio del potere può provocare il rischio di fare inebriare, di perderne il senso del servizio e di fare invece acquisire il senso del dominio nell'esercizio del potere". Quindi l'elogio della Carta: "La nostra Costituzione consente di superare difficoltà e di garantire l'unità della società anche perché ha creato un sistema in cui nessuno, da solo, può avere troppo potere. C'è un sistema che si articola nella divisione dei poteri, nella previsione di autorità indipendenti, autorità che non sono dipendenti dagli organi politici ma che, dovendo governare aspetti tecnici, li governano prescindendo dalle scelte politiche, a garanzia di tutti". Chi vuole capire capisca.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna