Nuove bordate contro la manovra, Di Maio: "Manca solo la Nasa..."

. Politica

Nuove bordate dall'estero contro la manovra giallo-verde all'esame del Parlamento: dal rinnovato attacco di Juncker e del Fondo monetario all'ultimo avvertimento di Mario Draghi, ma né Conte né Di Maio e Salvini si fanno impressionare o immaginano "correzioni significative" alla legge di bilancio da 36,7 miliardi che a loro giudizio sarà approvata nei fondamentali così com'è, con l'Europa, le istituzioni internazionali e le agenzie di rating - "Manca solo la Nasa..." ha ironizzato Di Maio - invitati a farsene una ragione. Oggi è tornato alla carica il presidente del Commissione Ue che in un'intervista a Le Monde, paragonando il nostro paese alla Francia, ha detto che "l'Italia non rispetta la parola data" invitando di nuovo Roma a "rispettare le regole per non mettere in pericolo la solidarietà europea". Da Francoforte l'avvertimento del presidente della Bce Draghi che ha invitato i "paesi indebitati" (come il nostro) a "seguire il Patto di stabilità". Ancora una bocciatura della manovra da parte del Fmi nel corso del summit con la Banca Mondiale a Bali: per il capo del dipartimento europeo del Fondo, Paul Thomsen, la legge di bilancio italiana "va in direzione opposta rispetto ai nostri suggerimenti". Da questo bailamme di critiche e di risposte piccate, soprattutto in questo ping-pong al vetriolo tra Roma e Bruxelles, si è tirata fuori saggiamente Angela Merkel:"Nessun commento. Oggi si è espresso Jean Claude Juncker. I colloqui sono in corso, io non voglio immischiarmi dalla Germania in questo confronto". Ma le parole di Juncker hanno riacceso la scontro con i Cinquestelle. Se i parlamentari M5s le hanno definite "indegne" e capaci solo di alimentare la tensione, il vice-premier e capo politico grillino ha usato il sarcasmo facendo della valanga di critiche un mazzo solo: "Oggi è arrivato il Fondo monetario internazionale e ha attaccato la legge di bilancio. Ormai - ha detto Di Maio - mancano all'appello solo la Nasa e qualche altro ente di qualche altro pianeta e poi abbiamo completato il parterre di istituzioni che promuovevano quelli che hanno fatto la legge Fornero, il Jobs act, i soldi alle banche, la macelleria sociale degli ultimi anni e bocciano noi".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna