Salvini "Tria rispetti il contratto". Possibile un rimpasto

. Politica

"Su Alitalia sto con Di Maio, il contratto parla chiaro e il ministro Tria lo deve rispettare". Lo dice al Messaggero Matteo Salvini, dopo che il titolare dell'Economia aveva frenato sulla statalizzazione della compagnia. "Voglio capire meglio", però Salvini precisa e agiunge: "M5s stia ai patti sulla giustizia". Sulla pace fiscale, dopo la lite tra Lega e grillini, si va verso una soluzione. La sanatoria dovrebbe aver tre aliquote e un tetto di 200mila euro. Quanto alla legittima difesa e agli emendamenti grillini che potrebbero snaturarla, il leader della Lega è drastico: "La legge resta come l'abbiamo scritta". Ancora: "Abbiamo messo dei limiti al reddito di cittadinanza e difendo la flax tax e i 15 miliardi di investimenti. Il superamento della Fornero resta un punto fermo. Sono stato eletto per smontarla e di certo lo farò". Infine sulla manovra: "C'è tempo fino a sabato. Spero di non avere altre sorprese da altri uffici o da altri geni dell'economia". Quanto al rimpasto, oltre al nome di Tria - che porrebbe essere sostituito da Savona, ma è difficile, molto difficile che accada, anche per i veti del Colle -, in bilico ci sono le posizioni di Danilo Toninelli, il gaffeur ministro dei Trasporti, di Alberto Bonisoli, ministro della Cultura giudicato poco incisivo, e della ministra della Difesa Elisabetta Trenta, che sembra essersi troppo 'innamorata' dei militari...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi