Renzi oltre il Pd. Lancia comitati civici e manovra economica alternativa

. Politica

Matteo Renzi sgancia l'ormeggio e naviga verso nuovi lidi. In compagnia o in solitario. Dipenderà da tante cose e da come le cose andranno, ad esempio, in casa Pd. Se a vincere fosse Zingaretti l'addio sarebbe sicuro, con Minniti la collaborazione sarebbe certa. Lui comunque si è stufato delle risse interne, dei continui agguati in stile vietcong e vuole fare una cosa diversa. Per questo lancia i "comitati civici", che partiranno dalla prossima Leopolda. L'annuncio in un'intervista al Corriere con relativa spiegazione: "Una forma di resistenza culturale contro la sciatteria di questo governo. Parleremo di scienza, ricerca, futuro". Un primo passo verso una nuova formazione? E a riprova che Renzi sia pienamente ritornato nell'agone politico, ecco  la sua iniziativa da vera opposizione: una manovra economica "ombra", messa a punto con l'ex ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, da offrire al confronto parlamentare per non andare a sbattere. "Magari il problema fosse il Pd. Stavolta sono davvero preoccupato", le sue parole. Renzi vede il paese andare a sbattere a tutta velocità contro un muro. Lui che era ottimista contro i gufi che prevedevano sventura, ora è si preoccupa per la tempesta perfetta. A suo avviso l'Italia grilloleghista sbaglia tutto ciò che può sbagliare. Allora, eccolo in campo, con la solita grinta, chiamando a sè chi se la sente di combattere sotto una stessa bandiera.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi