Berlusconi, "decreto delle comiche e flop tax". Basta matrimonio contro natura Lega-M5s

. Politica

Altro che 'manina'. Silvio Berlusconi ci va con l'accetta sul presunto complotto attorno al decreto fiscale e al condono denunciati dal vicepremier, Luigi Di Maio: "Secondo me gli esponenti del M5s hanno letto le norme sul condono, ma non le hanno capite", dice il presidente di Forza Italia a Trento per una iniziativa elettorale e non risparmia una frecciata anche per l' 'alleato' Salvini: "Quella che hanno appena proposto non è una flat tax, ma una flop tax". Insomma, secondo il Cav, "i signori al governo sono peggio dei comunisti del 1994. Sul decreto siamo alle comiche, è molto doloroso assistere a questo teatrino" e incalza: "Questo è un governo innaturale. Spero che finisca presto il matrimonio contro natura tra Lega e M5s". Nel mirino dell'ex premier del centrodestra c'è naturalmente la 'manovra del popolo': "Gli effetti di questa manovra - ammonisce - porteranno il paese quasi alla catastrofe. Chi dice di aver abolito la povertà dice una balla, perché le risorse sono sufficienti ad aiutare soltanto poche persone tra le molte che hanno bisogno". E poi l'Europa: "È molto brutta l’immagine che stiamo dando oggi e negli scontri dei giorni precedenti. Se vince il sovranismo l'Europa scomparirà e questo sarebbe un grave danno. L'Europa siamo noi - rimarca Berlusconi - non possiamo non riconoscerci: dobbiamo difenderne l'identità e la libertà nella religione, nel sociale, nella politica. Dobbiamo essere orgogliosi di essere europei, ma dobbiamo voler cambiare questa Europa". E non manca la strizzatina d'occhio all'amico Putin: "Per l'Occidente e per l'Europa la Russia è strategica". Il cavaliere guarda avanti: "I sondaggi hanno premiato le esibizioni muscolari, ma la tendenza si sta invertendo. Quando gli italiani verificheranno gli effetti dell'azione del governo apriranno gli occhi e i sondaggi cambieranno. Il voto del 4 marzo ha messo a capo dell'Azienda Italia gente senza esperienza e che non ha mai lavorato. Io non ho mai avuto ambizione politica, solo senso di responsabilità verso l'Italia". Berlusconi conclude: "Forza Italia è il futuro, siamo noi che abbiamo le ricette giuste per creare occupazione e benessere. Forza Italia con la Lega è la naturale maggioranza degli italiani. Dove ci presentiamo uniti con il centrodestra vinciamo sempre".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi