Lega-M5s, quando lo scontro diventa... "spaziale"

. Politica

Ora lo scontro diventa... "spaziale". Non basta lo stallo sul decreto anti-corruzione con annesso il problema della prescrizione così caro ai grillini o quello sul decreto sicurezza/immigrazione sponsorizzato con forza da Salvini, i due provvedimenti bloccati in Parlamento dal braccio di ferro in atto tra le due forze politiche di maggioranza. Le divisioni, le divergenze di opinioni, gli scontri - chiamateli come volete - tra leghisti e pentastellati si sono arricchiti oggi di un nuovo capitolo investendo anche l'attività spaziale nazionale. Il caso è scoppiato con la notizia della rimozione dalla guida dell'Agenzia spaziale italiana (Asi) del presidente Roberto Battiston, per una decisione del ministro dell'Istruzione Bussetti (Lega). E' stato lo stesso Battiston a diffondere via Twitter la notizia del suo licenziamento non senza una punta di risentimento e per il modo scelto per comunicargli la fulminea decisione e per quello che ha definito il primo caso di spoil system nel campo della ricerca. Una scelta quella del ministro dell'Istruzione di cui non era stato messo a conoscenza il vice ministro grillino del Miur, Lorenzo Fioramonti, che ha manifestato il suo stupore (!) a stretto giro. Insomma un altro scontro in quella che sembra ormai una 'guerra' quotidiana. "Oggi il Ministro Bussetti con mia sorpresa mi ha comunicato la revoca immediata dell’incarico di Presidente Asi. È il primo spoil system di Ente di Ricerca. Grazie alle migliaia dii persone con cui ho condiviso quattro anni..." ha twittato stamane Battiston diventato presidente del'Asi nel 2014 e riconfermato nel maggio scorso. A quanto sembra Bussetti avrebbe deciso la rimozione di Battiston in seguito ad una "verifica formale" relativa alle modalità della sua nomina che venne firmata dall'allora ministro Valeria Fedeli il 7 maggio, cioè dopo il voto del 4 marzo. Insomma una nomina che non rientrava, secondo il Miur, nell'ordinaria amministrazione (come dire: la Fedeli aveva perso le elezioni e non doveva riconfermare il presidente Asi) e che inoltre non era stata sottoposta al parere preventivo e obbligatorio del Comitato interministeriale per le politiche relative all'aerospazio. A stretto giro, sempre sui social, lo 'stupore' del vice-ministro grillino Fioramonti: "Ho appreso anche io questa notizia dai social network stamattina. Non sarebbe male se decisioni che attengono allo sviluppo ed alla leadership del sistema di ricerca in Italia si condividessero anche con il Vice Ministro, visto che si è occupato di ricerca scientifica per anni...".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna