Conte, assestamento e lettera/manifesto a Ue per evitare infrazione

. Politica

Assestamento di bilancio (per ora in bozza e da approvare poi definitivamente) e una lettera/manifesto con le proposte dell'Italia aprire il confronto sulle regole e gli equilibri che governano l'Unione europea. Il premier Giuseppe Conte ha ottenuto un primo via libera dagli azionisti di maggioranza del governo gialloverde, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, per trattare con Bruxelles ed evitare la procedura d'infrazione. Miliardi Il Consiglio dei ministri, dopo una fitta serie di vertici e incontri tra cui il pranzo di lavoro al Quirinale con il Presidente Mattarella, ha confermato i 2 miliardi di minori spese già congelati nella legge di bilancio e ha poi individuato circa 3 miliardi di risparmi sulle due misure simbolo, reddito di cittadinanza e quota 100. Cifra quest'ultima che Lega e 5stelle avrebbero concordato di accantonare per dimostrare buona volontà all'Ue, ma poi in manovra queste risorse dovranno essere usate per completare gli obiettivi del contratto del governo del cambiamento, a partire dalla flat tax. "Non intendiamo sottrarci ai vincoli - scrive il presidente del Consiglio nella lettera indirizzata all'Unione - né intendiamo reclamare deroghe o concessioni rispetto a prescrizioni che, finché non saranno modificate, sono in vigore ed è giusto che siano tenute in conto dai governi di tutti gli Stati membri". Rinnovamento Se sui numeri ci potranno essere ancora novità e modifiche, la lettera inviata da Conte agli altri paesi e ai vertici Ue indica invece un preciso quadro di riferimento politico: "Siamo all'inizio di una nuova legislatura europea e dobbiamo approfittare - si legge nella missiva - di questa preziosa occasione per raccogliere le nuove sfide, lavorando al rinnovamento delle regole comuni e alla introduzione di strumenti che possano soddisfare più efficacemente i bisogni dei cittadini. L'Italia vuole cogliere questa opportunità di cambiamento". Crescita Conte prosegue: "I nostri popoli ci richiamano alla responsabilità, ricordandoci che la politica, se asservita alle ragioni dell’economia e, in particolare, della finanza e se orientata esclusivamente a contenere i debiti sovrani, abdica alla propria missione, finendo per perdere la propria legittimazione. L’Italia, nell'interesse dei suoi cittadini e degli altri cittadini europei, adotterà una politica di bilancio attenta e coerente, nella consapevolezza tuttavia che occorre con urgenza dotarsi di un sistema di regole più idoneo a garantire ai cittadini europei pace sociale e crescita sostenibile". Sintetizza con franca brutalità il vicepremier Salvini in uno dei suoi dialoghi via Facebook: "Alcuni vincoli europei sono stati studiati per aiutare qualcuno a Berlino e Parigi e fregare tutti gli altri", ma "governi complici, governi ignoranti, governi fessi non ce ne sono più. Stiamo lavorando giorno e notte per portare uno shock: taglio delle tasse, taglio della burocrazia, più investimenti... Io non voglio un paese che passeggia, ma un paese che corre". Nomine Al summit dei capi di Stato e di governo di Bruxelles si parlerà comunque innanzitutto delle nuove nomine europee, a partire dal nuovo presidente della Commissione, che dovrà sostituire Jean-Claude Juncker. In lizza gli "Spitzenkandidaten" dei due maggiori partiti: il tedesco Manfred Weber per il Ppe e l'olandese Frans Timmermans per i socialisti, ma in corsa ci sono anche la liberale danese Margrethe Vestager e il negoziatore della Brexit, il francese Michel. Voci indicherebbero una offerta di candidatura ad Angela Merkel, mentre molti osservatori considerano il Presidente francese, Emmanuel Macron, come il vero kingmaker. Per l'Italia Conte si è detto impegnato a ottenere un incarico in linea con il tradizionale ruolo del nostro paese nell'Ue, e cioè "un portafoglio economico di prima linea", forse la Concorrenza. Da affidare magari all'attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il leghista Giancarlo Giorgetti.
(foto da profilo Facebook G.Conte)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi