Roma, Calenda si candida contro la Raggi

0
da profilo FB

È ufficiale: Carlo Calenda, 47 anni, ex-ministro dello Sviluppo economico e leader di Azione (partito dato al 3% secondo gli ultimi sondaggi) si candida come sindaco di Roma e alle elezioni della prossima primavera vuole sfidare la Raggi. Lo ha annunciato lui stesso da Fazio a Che tempo che fa su Rai3 ma la notizia era nell’aria da tempo. Ieri poi Calenda ha registrato il suo dominio calendasindaco.it. L’ex-ministro considera la sua candidatura “un dovere e una grande avventura” e si augura l’appoggio del Pd che finora è stato un po’ freddino – ma è un eufemismo – sul suo nome (al Nazareno avrebbero preferito Sassoli o Gentiloni, ambedue hanno declinato l’invito).

“Non posso parlare per il Pd, partecipo a un tavolo. Auspico un appoggio largo” ha detto a proposito del tema alleanze un prudente Calenda secondo il quale “chi ha la possibilità di riportare Roma tra le grandi Capitale europee ha il dovere di farlo. Il Pd mi appoggi se pensa che io sia adatto. Entrambi – ha aggiunto – pensiamo che la gestione dei Cinque Stelle sia stata disastrosa”. “I mali di Roma vengono da lontano, ma con M5s e Raggi è peggiorato tutto” ha concluso il suo annuncio confermando che si presenta da solo, per ora, e che con i Cinquestelle non corre buon sangue.

Calenda è stato viceministro dello Sviluppo economico nei governi Letta e Renzi, rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea nel 2016 ed in seguito ministro dello Sviluppo economico nei governi Renzi e Gentiloni. Alla domanda se fosse di destra o di sinistra ha risposto: “Sono un socialdemocratico liberale”.

Exit mobile version