Il Messico verso la legalizzazione della marijuana. Diventerà il più grande mercato di ‘maria’ al mondo

0
marijuana
(foto di Julia Teichmann da pixabay)

Il Messico vuole legalizzare la marijuana ricreativa. Il Paese noto per la guerra tra i cartelli della droga, potrebbe diventare il più ampio mercato legale

La Camera bassa del Congresso messicano ha votato a favore della legalizzazione della marijuana ricreativa. Una pietra miliare per il Messico, paese noto per la guerra tra i cartelli della droga. Tra poco il paese potrebbe diventare il più ampio mercato di cannabis legale della Terra. Una mossa politicamente importante, dal momento che se la legge passerà gli Stati Uniti saranno letteralmente ‘accerchiati’ dal Messico al sud e dal Canada al nord. I sostenitori del disegno di legge messicano sostengono che questa legge potrebbe aiutare il paese a ridurre l’influenza dei potenti cartelli della droga. Ma la faccenda è ancora controversa. La guerra ai cartelli e tra i cartelli ha provocato un enorme numero di vittime, con oltre 30 0mila omicidi dall’inizio nel 2006. L’esercito messicano è stato anche accusato di violazioni dei diritti umani nella sua lotta contro i narcotrafficanti.

Svolta politica

Il voto alla Camera arriva due anni dopo che la Corte Suprema messicana aveva stabilito l’incostituzionalità del divieto della marijuana ricreativa. Il Messico ha già legalizzato la cannabis medicinale. La Camera ha approvato il disegno di legge in termini generali mercoledì sera, prima di passare a una lunga discussione sugli emendamenti proposti dai singoli legislatori. Il disegno di legge è stato approvato con 316 voti a favore e 129 contrari. Consentirebbe solo l’uso ricreativo di marijuana per i maggiori di 18 anni e con un permesso specifico.

Presidente

Nella sua forma finale, dovrà passare l’esame del Senato, prima di essere inviata al presidente Andrés Manuel López Obrador, il quale ha già segnalato il sostegno alla legalizzazione. La misura consentirebbe agli adulti di fumare e consumare marijuana e, con un permesso, di coltivare un piccolo numero di piante di cannabis in casa. Concederebbe anche licenze ai produttori – dai piccoli agricoltori ai coltivatori commerciali – per coltivare e vendere il raccolto. “Oggi stiamo facendo la storia”, ha detto Simey Olvera, deputato di ‘Morena’, il Movimento Rigenerazione Nazionale di sinistra del presidente Obrador.

Exit mobile version