Terremoto giustizia

0

E’ un vero e propio terremoto giustizia alla viglia del voto di fiducia alla Camera sull’ riforma, come deciso da Draghi. Poco incline ad ascoltare l’ultimo grido di dolore dell’ex premier Conte che vorrebbe alcune modifiche come non rendere prescrittibili i reati di mafia. Il terremoto riguarda principalmente la procura di Milano. Il caso toghe sfascia il tribunale lombardo. 100 giudici hanno firmato un documento in favore di Storari, il Pm coinvolto nella fuga di notizie sui verbali, con i documenti affidati a Davigo. Che in un’intervista al Corriere ha tirato in ballo anche Mattarella, facendo capire che i fascicoli potessero essere finiti anche a lui tramite il vice presidente del CSM, Ermini. A giudicare Srorari, di cui il pg della Cassazione ha chiesto il trasferimento cautelare da Milano con sospensione delle funzioni, sarà lo stesso CSM, di cui fanno parte consiglieri il cui nome compare negli stessi verbali di Amara. Un bel cortocircuitò ed una bella grana istituzionale.

Exit mobile version