Forte sisma in Pakistan. Morti e dispersi, vittime anche in una miniera

0
Pakistan terremoto
(foto profilo Twitter Islamic Relief Italia)

Pakistan, un terremoto devasta e uccide. Almeno sei bambini tra le vittime. Save the Children già attiva sul posto

Sarebbero diverse decine i morti a causa del del sisma che ha colpito il Pakistan meridionale nella mattina del 7 ottobre. Tra le vittime Save the Children riporta che almeno 6 di loro sono bambini. Più di 300 i feriti, mentre ancora si scava tra le macerie delle case distrutte dal terremoto alla ricerca di sopravvissuti. Secondo i dati del Centro sismologico europeo-mediterraneo, la scossa sarebbe stata di magnitudo 5.9 e si sarebbe sviluppata a 10 km di profondità. Epicentro a nord est di Quetta, nella provincia del Belucistan.

Save the Children

In Pakistan si è già attivata Save the Children, per dare prontamente aiuto ai bambini e alle famiglie più colpite dal sisma. L’Organizzazione è pronta a intervenire con aiuti alimentari, assistenza sanitaria e logistica. Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, è estremamente preoccupata per la sicurezza dei minori. Diverse persone sono state portate d’urgenza all’ospedale in condizioni critiche e più di 150 inviate in ospedale per cure. Ma il numero delle vittime potrebbe aumentare, a mano mano che i soccorritori continuano a intervenire tra le macerie. Il sisma ha interessato otto località della provincia.

Assestamento

Scosse di assestamento sono ancora avvertite. Dichiarata l’emergenza sanitaria in tutti gli ospedali della provincia, tra cui quello di Quetta, una delle città più colpite. Medici e personale sanitario richiamati d’urgenza. Sono in corso interventi di assistenza ad Harnai, la città dove è stata segnalata la maggior parte delle vittime. Le squadre di soccorso stanno tentando di salvare le persone sepolte sotto le macerie dopo il crollo di diversi edifici. Secondo quanto riferito, sono più di 70 le case danneggiate nella sola Harnai e la fornitura di energia elettrica nell’area è sospesa. Ci sono anche segnalazioni di danni a Ziarat, Qila Saifullah e Sibi.

Danni

Save the Children sta monitorando la situazione ed è pronta a rispondere, in caso di necessità, con aiuti alimentari, generi di conforto e assistenza sanitaria alle famiglie colpite. “Siamo devastati nell’apprendere che almeno sei bambini sono stati uccisi dal terremoto e temiamo per la sicurezza di molti altri che sono stati feriti o costretti ad abbandonare le loro case”, ha dichiarato Khuram Gondal, direttore di Save the Children in Pakistan. Secondo Gondal: “Le squadre di soccorso riferiscono di una devastazione orribile: dozzine di case crollate, numerose persone ferite e corpi sepolti sotto le macerie. Anche se ci vorranno giorni per valutare l’intera entità dei danni, è chiaro che il terremoto ha provocato una grave emergenza nelle aree colpite”.

Miniera

Secondo il vice commissario di Quetta, Suhail Anwar Shaheen, il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente man mano che i soccorritori riusciranno a raggiungere le aree più remote. Infatti, la parte più interessata dalla scossa sismica, quella a ovest della capitale provinciale Quetta, è difficile da raggiungere dai soccorsi. Almeno quattro vittime sarebbero lavoratori di una miniera di carbone crollata in seguito al sisma.

Exit mobile version