ll contagio non si ferma più e batte un altro record: 126.000 i nuovi casi (+30% rispetto a ieri)

0
variante Delta
(foto #23312 Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library-PHIL da en.wikipedia.org)

Il contagio non si ferma più e frantuma anche il record di ieri.

Nelle ultime 24 ore i casi positivi riscontrati in più di un milione di tamponi sono stati infatti 126.888, il 30% in più rispetto a ieri (98.020), quasi l’80% in più rispetto ad una settimana fa. Tasso di positività all’11,03% su 1.150.352 test antigenici e molecolari, in aumento rispetto al 9,5% di ieri. 156 le vittime contro le 136 di ieri. “Un ritmo mai visto dall’inizio della pandemia nel nostro paese” ha commentato l’epidemiologo Pier Luigi Lo Palco. Ma “non spaventiamoci” – aggiunge – perchè i vaccini continuano a costituire una formidabile barriera al coronavirus e alle sue forme più gravi. Il picco si avrà a gennaio, poi si prevede che la curva scenda. E la variante Omicron, responsabile dell’impennata di queste ore, sembra davvero, anche se più trasmissibile, meno pericolosa e grave delle precedenti.

Dall’inizio della pandemia i casi totali sono stati 5.981.428 e i morti 137.247. I dimessi e i guariti sono invece 5.064.718, con un incremento di 22.246 rispetto a ieri. Sono 1.226 (ieri 1.185) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 41 in più in 24 ore. Gli ingressi giornalieri sono 134. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.866 (ieri 10.578), 288 in più rispetto a ieri.
   

Exit mobile version