10.4 C
Roma
mercoledì, 7 Dicembre 2022

Lavoro, la crisi si fa sentire anche sull’occupazione. A maggio per artigiani e pmi calo assunzioni del 3,3% su base annua

Il peggioramento del quadro macroeconomico registrato nei primi mesi dell’anno ha inciso anche sull’occupazione tra artigiani, micro e piccole imprese (pmi). Lo rileva a maggio l’Osservatorio lavoro CNA, curato dal Centro studi della Confederazione, che dal 2014 analizza con cadenza mensile le tendenze del mercato del lavoro nelle piccole imprese. A maggio il segmento ha evidenziato un rallentamento nel ritmo di crescita dell’occupazione. In confronto ad aprile il tasso di variazione congiunturale si è ridotto dallo 0,9 allo 0,4 per cento. In confronto a maggio 2021 dal 3,6 al 2,9 per cento.

Indeterminato

Su questi dati ha influito in particolare l’andamento delle assunzioni, diminuite di 3,3 punti percentuali su base annua. Una contrazione che emerge dopo ben 14 mesi chiusi sempre con il segno positivo a due cifre e in un’occasione addirittura a tre. Nell’ambito delle assunzioni, è interessante osservare che, mentre hanno chiuso in rosso tutti i tipi di rapporti contrattuali a termine, un evidente segno di crescita ha caratterizzato le assunzioni a tempo indeterminato (+24,1 per cento), che hanno riguardato però solo un quinto della platea complessiva.

Altro dall'autore

Articoli più letti