17.3 C
Roma
venerdì, 9 Dicembre 2022

William e Kate e Harry e Meghan, coppie riunite a Windsor (dopo 2 anni)

La foto che domani campeggerà sui giornali, non solo i tabloid inglesi, forse non sarà tanto quella di Carlo III che dopo la morte di sua madre, la regina Elisabetta II, ha assunto formalmente il ruolo di re d’Inghilterra nella solenne e tradizionale cerimonia a St. James a Londra quanto quella dei suoi due figli con le rispettive mogli, per la prima volta insieme dopo due anni, a passeggio all’esterno del castello di Windsor.

Un’uscita a sorpresa voluta da William, da oggi ufficialmente erede al trono, come “segno di unità”. Il primo figlio di Carlo ha invitato i duchi di Sussex, il fratello Harry e sua moglie Meghan Markle, a una passeggiata congiunta nei pressi del castello di Windsor – ha detto alla Cnn una fonte della famiglia reale – perche’ riteneva “importante” mandare un “segnale di unità” dopo la morte della nonna Elisabetta e mesi di indiscrezioni su un crescente dissidio tra lui, il fratello e la cognata Meghan. Uno strappo quello dei Sussex con la famiglia reale alimentato dal trasferimento di Harry e Meghan negli Usa, e dal documentario e il libro annunciati da Harry, attesi come una bomba a Buckingham Palace.

William, la moglie Kate Middleton e Harry con la moglie Meghan hanno passato oltre 40 minuti all’esterno del castello per salutare la folla venuta a rendere tributo alla defunta regina e al nuovo re e poi sono ripartiti all’interno della stessa automobile. Un portavoce del principe William ha spiegato a Reuters che William aveva invitato Harry ad accompagnarlo a guardare gli omaggi e i fiori che i sudditi hanno lasciato all’esterno del palazzo. Le due coppie reali non erano state viste insieme dalle celebrazioni del Commonwealth Day del 9 marzo 2020.

Gianfranco Eminente
Gianfranco Eminente
Cronista prima di tutto. Ha iniziato il praticantato ed è diventato giornalista professionista lavorando per 'Il Giornale d'Italia' nel 1974. E' passato poi all'Agenzia Italia ricoprendo vari incarichi: inviato speciale, capo degli Esteri e del servizio Diplomatico, anche quirinalista e dal 1989, a Montecitorio, redattore capo e responsabile del servizio Politico di questa primaria agenzia di stampa nazionale. Nel 2001 è stato nominato vice-Direttore vicario sempre all'Agi, incarico che ha mantenuto fino al 2009. Giornalista parlamentare.

Altro dall'autore

Articoli più letti